Marina, 19 anni, scatta un selfie col fidanzato: il papà uccide entrambi. «Disonorano la famiglia»
di Domenico Zurlo

Marina, 19 anni, scatta un selfie col fidanzato: il papà uccide entrambi. «Disonorano la famiglia»

  • 261
    share
La loro unica colpa era quella di aver scattato un selfie insieme. Per questo una ragazza di 19 anni e il suo cugino fidanzato sono stati uccisi dal padre di lei, secondo cui quel selfie era un atto considerato disonorevole per la famiglia: è successo in Pakistan, un 'delitto d'onore' avvenuto un mese fa ma venuto alla luce solo in questi giorni, dopo la denuncia della madre della ragazza. La donna ha fatto arrestare il marito, Abdul Raheem.

Emanuele Tiberi, la tragica svolta: «Ucciso per un gioco fatale». Un pugno lo mandò in coma

La figlia, Marina di 19 anni, studiava all'università a Karachi ed apparteneva ad una famiglia tradizionalista Pashtun: il cugino e fidanzato era andato a trovarla, partendo dalla sua casa a Swat, nella provincia di Khyber Paktunkhwa, e per la felicità i due si erano scattati un selfie. Foto che lui, tornato a casa, ha mostrato contento ad amici e parenti, scrive il quotidiano online Samaa, che pubblica anche le foto dei due protagonisti.

Breaking Bad a Bergamo, pensionato si ammala e spaccia cocaina: «Mi servivano i soldi per il funerale»



«Attaccato con l'acido da due uomini, un gruppo di WhatsApp mi ha salvato la vita»

Questo fatto ha mandato su tutte le furie il padre della 19enne: Abdul Raheem è così corso a Swat e ha ucciso il ragazzo a colpi di pistola. Non contento, è tornato a Karachi ed ha avvelenato la figlia Marina, cercando di far passare la sua morte come un suicidio. Un duplice omicidio che ha spezzato il cuore della madre della giovane, che non ha esitato a denunciare il marito facendolo arrestare.
Mercoledì 5 Dicembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 10:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-05 12:02:45
ammazare la propria figlia..popolo di ignoranti
DALLA HOME