Il giallo della morte di Sarah Everard: trovati resti umani trovati nel bosco del Kent: sono sono suoi

Il giallo della morte di Sarah Everard: trovati resti umani trovati nel bosco del Kent: sono sono suoi

La polizia di Scotland Yard ha trovato il corpo di Sarah Everard, la trentatreenne londinese recentemente scomparsa. I resti umani trovati in un bosco ad Ashford, nel Kent, sono secondo le autorità appartenenti proprio a Sarah Everard.

 

Leggi anche > Covid Usa, Biden: «Tutti gli americani adulti vaccinati entro il 1 maggio»

 

 

 

LA CONFERMA DI SCOTLAND YARD: "E' IL CORPO DI SARAH EVERARD"

Mercoledì notte le autorità hanno rinvenuto nel bosco dei resti umani e oggi hanno confermato che appartengono a Sarah Everard: "Come sapete – ha spiegato il vice commissario Nick Ephgrave, come riporta il “Telegraph”  - mercoledì sera gli investigatori che indagano sulla scomparsa di Sarah Everard hanno scoperto un corpo nascosto nei boschi del Kent. Il corpo è stato recuperato e la procedura di identificazione formale è stata avviata, ora posso affermare che si tratta di Sarah Everard”.

 

Per il rapimento della ragazza è stato arrestato lo scorso martedì notte l'agente di polizia Wayne Couzens, 49 anni, in servizio presso il Comando di protezione parlamentare e diplomatica, e il giorno successivo l’accusa si è trasformata in omicidio.

 

LE PROTESTE IN CITTA'

La terribile vicenda ha scatenato diverse proteste a Londra. Gli organizzatori di una veglia  in ricordo della donna stanno intraprendendo un'azione legale contro la polizia metropolitana, che gli avrebbe impedito di realizzare l’evento a causa delle ristrettezze dettate dal coronavirus: «I cittadini – ha spiegato Nick Ephgrave - si sentono feriti e arrabbiati per quanto è accaduto, e questi sono sentimenti che condivido personalmente. Riconosco anche le preoccupazioni più ampie, che sono state giustamente sollevate, sulla sicurezza delle donne negli spazi pubblici. A loro voglio dire ora che questa organizzazione rimangono impegnate a proteggere i londinesi ovunque si trovino in questa città. E quell'impegno non è diminuito da questi eventi, semmai si è rafforzato con queste tragiche circostanze».

 

Intanto Scotland Yard sta affrontando un'indagine sulla sua gestione di un'accusa che coinvolge Couzens: l'ufficio indipendente per la condotta della polizia (IOPC) deve verificare se gli agenti "abbiano risposto in modo appropriato", dopo aver ricevuto un rapporto secondo cui un uomo si era esposto in un fast food nel sud di Londra il 28 febbraio, tre giorni prima della scomparsa della Everard.

 

LA SCOMPARSA DI SARAH EVERARD

Mercoledì 3 marzo, la responsabile del marketing Sarah Everard è scomparsa mentre tornava a casa dall'appartamento di un amico nel sud di Londra. Si pensa che abbia attraversato Clapham Common verso la sua casa a Brixton, un viaggio che avrebbe dovuto durare circa 50 minuti. La sua ultima immagine risale a una foto scattata da una videocamera mentre camminava lungo la A205 Poynders Road verso Tulse Hill, intorno alle 21:30.

 

Il commissario Cressida Dick ha cercato di rassicurare i cittadini dicendo che "per fortuna è incredibilmente raro che una donna venga rapita nelle nostre strade. Ma capisco perfettamente che, nonostante questo, le donne a Londra e i cittadini in generale - in particolare quelli nell'area in cui è scomparsa Sarah - saranno preoccupati e potrebbero sentirsi spaventati".

 

Scotland Yard ha reso noto che il lavoro principale dell'ufficiale arrestato era il pattugliamento in uniforme dei locali diplomatici, ma non ha specificato dove aveva lavorato e se era in servizio al momento della scomparsa della sig.ra Everard. La squadra di protezione diplomatica è responsabile della sorveglianza della tenuta parlamentare, inclusi Downing Street e il Palazzo di Westminster, nonché delle ambasciate a Londra. Giovedì Wayne Couzens è stato portato d'urgenza in ospedale dopo aver subito ferite alla testa mentre era in custodia: curato dai medici, è stato successivamente dimesso e riportato in cella.


Ultimo aggiornamento: Sabato 13 Marzo 2021, 21:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA