Regina Elisabetta, «uno dei più grandi rimpianti» della sua vita

Il retroscena raccontato dall'ex addetto stampa della sovrana

Video

Ieri, 14 novembre, è stato il compleanno di Carlo, il primo festeggiato sul trono, dopo 70 anni di regno della madre Elisabetta. A due mesi dalla scomparsa della sovrana, emergono nuovi dettagli sulla sua lunga vita e si scopre qual è stato uno dei suoi rimpianti più grandi.

Re Carlo vittima di bullismo a scuola: «Gli tiravano le orecchie»

 

Regina Elisabetta, «uno dei più grandi rimpianti» della sua vita

Unica monarca britannica a festeggiare il Giubileo di platino, Elisabetta ha attraversato due terzi di secolo, tra guerre, lutti nazionali e crisi economiche. Ma ci fu un episodio, tra tutti, a colpirla profondamente. Il 21 ottobre del 1966, una tragedia colpì il villaggio minerario di carbone di Aberfan, nel Galles meridionale, dove il materiale di risulta della miniera franò, investendo l'intero centro abitato.

La frana colpì la scuola elementare Pantglas sulla Moy Road, demolendo e inghiottendo gran parte della struttura e riempiendo le classi di fango, liquami e macerie. L'incidene provocò la morte di 144 persone, 116 delle quali erano bambini. Quando il crollo si arrestò, gli abitanti di Aberfan si precipitarono alla scuola e iniziarono a scavare tra le macerie, rimuovendo il materiale a mani nude o con attrezzi da giardino. A causa della grande quantità di materiale franoso accumulato, ci volle una settimana prima di riuscire a recuperare tutti i corpi.

La regina attese il ritrovamento di tutte le salme prima di recarsi sul posto con il marito Filippo a rendere omaggio alle vittime. In quell'occasione, saputo il bilancio dei morti, Elisabetta si mostrò particolarmente toccata dall'evento. Nonostante ciò, il suo addetto stampa dell'epoca etichettò la visita come uno dei più grandi rimpianti della sovrana. «Penso che abbia sentito col senno di poi che avrebbe potuto andarci un po' prima. È stata una sorta di lezione per noi che devi mostrare simpatia e essere lì sul posto, cosa che penso la gente desiderasse da lei», ha dichiarato a MyLondon Sir William Heseltine, che lavorava nell'ufficio stampa reale al momento della tragedia. Un incidente rispetto al quale Elisabetta ha sempre pensato di non avere dimostarto abbastanza empatia.


Ultimo aggiornamento: Martedì 15 Novembre 2022, 20:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA