Regina Elisabetta, sfilata di autorità per il funerale. Da Biden a Mattarella, chi ci sarà (e chi no)

Video

Via la folla dal piazzale di fronte a Buckingham Palace, dopo giorni di presenza fissa seguita alla notizia della morte della regina Elisabetta: e tappeto rosso di fronte a Downing Street. Londra si è preparata così all'accoglienza dei dignitari stranieri giunti in queste ore a centinaia nella capitale britannica per partecipare ai solenni funerali della sovrana.

Il primo appuntamento collettivo è avvenuto nella serata di ieri, quando diverse decine di leader, inclusi Joe Biden e Sergio Mattarella fra gli altri, sono stati accolti da re Carlo III e dalla regina consorte Camilla a palazzo per un ricevimento pre esequie di benvenuto. Di qui l'intervento della polizia per far defluire sudditi e curiosi dalla piazza, per motivi di sicurezza.

Biden e la First Lady a Westminster Hall

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e la first Lady Jill Biden sono a Westminster Hall per rendere omaggio ad Eliasabetta II. Biden si è fermato per alcuni istanti davanti al feretro, con accanto la moglie Jill e l'ambasciatrice Usa a Londra Jane Hartley. Il presidente degli Stati Uniti si è fatto il segno della croce, prima di lasciare la sala, dove hanno cominciato ad arrivare i primi leader internazionali ed è stata anche la volta della presidente della commissione europea Ursula von der Leyen. 

Tutte le autorità, da Mattarella alla First lady ucraina

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, è a Londra dove oggi, 19 settembre, con le altre autorità straniere parteciperà alle esequie solenni di Sua Maestà la Regina Elisabetta II. Il Capo dello Stato ieri pomeriggio è stato accolto dal Re Carlo III e della Regina consorte Camilla a Buckingham Palace per un ricevimento formale pre esequie, ricevimento a cui sono intervenuti i vertici politici del Regno Unito e i membri senior della Royal Family. Il capo dello Stato era accompagnato dalla figlia Laura.

 

La First Lady ucraina Olena Zelenska ha appena reso omaggio al feretro di Elisabetta II a Westminster Hall. Parteciperà ai funerali della sovrana. Non ci sarà invece il più che controverso principe ereditario saudita Mohammed bin Salman (Mbs), rendono noto i media britannici citando fonti ufficiose del Foreign Office. L'arrivo dell'uomo forte di Riad per una visita di condoglianze era stata annunciata giorni fa, senza date precise; mentre successivamente era emersa anche l'indiscrezione di una sua possibile partecipazione alle esequie: partecipazione evidentemente ora cancellata.

I Paesi dei Balcani saranno rappresentati al massimo livello a Londra ai funerali della regina Elisabetta II. Nella capitale britannica vi saranno i presidenti di Slovenia Borut Pahor, Croazia Zoran Milanovic, Romania Klaus Iohannis, Bulgaria Rumen Radev, Montenegro Milo Djukanovic, Macedonia del Nord Stevo Pendarovski, Kosovo Vjosa Osmani. Per la Serbia a Londra vi sarà la premier Ana Brnabic, mentre la Bosnia-Erzegovina sarà rappresentata dalla ministra degli esteri Bisera Turkovic. La regina Elisabetta II effettuò nell'ottobre 1972 una visita ufficiale nell'allora Jugoslavia su invito di Josip Broz Tito. Oltre a Belgrado la sovrana, accompagnata dal consorte Principe Filippo e dalla figlia Principessa Anna, fece tappa a Podgorica (che allora si chiamava Titograd), Dubrovnik, Zagabria e Brioni. Il nuovo re Carlo III, allora Principe di Galles, visitò la Jugoslavia nel 1978, tornando in Serbia nel 2016.

Intanto i Capitani Reggenti della Repubblica di San Marino Oscar Mina e Paolo Rondelli hanno reso omaggio alla Regina, firmando il libro delle Condoglianze a Lancaster House. Saranno tra i capi di Stato che parteciperanno al funerale della sovrana. «Della amatissima Sovrana, rimarrà fulgida la memoria per la guida saggia, dedita e incomparabile del Suo Regno e dei Popoli che in lei hanno riconosciuto un riferimento ineguagliabile ed esemplare e il simbolo dell'autorevolezza della Corona britannica. La longevità del Suo Regno ha consentito di suggellare un ricordo e un monito perenni per le più alte Istituzioni nazionali e sovranazionali, di grandi ed esigue dimensioni, e per l'intera umanità», hanno scritto sul libro delle condoglianze i Capi di Stato della Repubblica del Titano. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Settembre 2022, 20:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA