Sterling, il grande gesto della stella del City per un ragazzo ucciso a 13 anni dalla leucemia

Sterling, il grande gesto della stella del City per un ragazzo ucciso a 13 anni dalla leucemia

Il suo sogno era quello di diventare un calciatore professionista e non sembrava una meta impossibile, dopo essere entrato nelle giovanili del Crystal Palace. La sua vita, però, è stata stroncata ad appena 13 anni da una grave forma di leucemia: il caso di Damary Dawkins aveva commosso tutta la Gran Bretagna, ma soprattutto Raheem Sterling. La stella di origini giamaicane del Manchester City, infatti, aveva deciso di incontrare quel ragazzino e di lanciare un appello per trovare un donatore di cellule compatibili.

Nadia Toffa di nuovo single: «Non mi è mai stato vicino nella malattia, torno a ballare da sola»​



Purtroppo, per Damary Dawkins non c'è stato nulla da fare: il 13enne, giovane promessa del calcio, è morto infatti lo scorso mese. Raheem Sterling, che con lui aveva intrecciato una forte amicizia, ha deciso quindi di compiere un gesto da vero campione: non solo ha voluto ricordare il ragazzino con una maglia speciale durante l'esultanza per un gol in nazionale, ma ora la stella del calcio inglese ha deciso di aiutare la famiglia.

Come annunciato dalla famiglia a vari media britannici, tra cui la BBCRaheem Sterling si è offerto di pagare tutte le spese per il funerale del 13enne. Il papà di Damary Dawkins ha spiegato: «Tra mio figlio e Raheem Sterling si era creata una vera amicizia: lui, quando poteva, lo andava sempre a trovare in ospedale e si erano anche scambiati il numero di cellulare. Ricordo che mio figlio mandava sempre messaggi di incoraggiamento a Sterling in vista delle varie partite, e lui faceva altrettanto». I funerali del 13enne si terranno venerdì prossimo e Raheem Sterling sarà presente per dare a Damary l'ultimo saluto.

Non è la prima volta che Raheem Sterling, figlio di immigrati giamaicani, si rende protagonista di grandi gesti nei confronti dei tifosi più giovani: poche settimane fa, l'attaccante aveva pagato il biglietto di una partita del Manchester City a 550 ragazzi, tutti studenti della scuola che aveva frequentato da bambino.
Martedì 23 Aprile 2019, 16:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA