Quarta ondata, la Corte Costituzionale in Germania: «Tutte le restrizioni sono legittime»

Respinto il ricorso di associazioni contrarie alle restrizioni per contenere la pandemia. Il futuro ministro Habeck chiede lockdown per i non vaccinati e riduzione della capienza negli stadi

Quarta ondata, la Corte Costituzionale in Germania: «Tutte le restrizioni sono legittime»

Nella Germania travolta dalla quarta ondata arriva una sentenza pesante della Corte Costituzionale, che ha respinto il ricorso di alcune associazioni, tra cui gruppi di no vax. Nella sentenza viene infatti esplicitato che «le misure di contenimento parziale dell'epidemia adottate dal Governo sono giustificate e proporzionate».

Leggi anche > L'Ue vuole vietare i termini "Mr", "Mrs" e Buon Natale: «Stressanti e discriminatori». Poi ci ripensa...

Covid, per la Corte Costituzionale restrizioni legittime

La sentenza della Corte Costituzionale apre così alla possibilità di inasprire le misure di contenimento. Le restrizioni al contatto, all'uscita e alla chiusura delle scuole «nella situazione di estremo rischio pandemico erano compatibili con la Legge», ritiene la Corte in risposta a un ricorso presentato diversi mesi fa dagli oppositori del confinamento. La sentenza era attesa a poche ore dalla riunione della cancelliera Angela Merkel e del successore Olaf Scholz con i leader regionali per decidere se rafforzare le restrizioni, giudicate da molti, tra cui la Merkel, insufficienti a respingere la quarta ondata.

Covid, Habeck: «Lockdown per i non vaccinati»

«È chiaro quello che deve succedere: i contatti devono essere ridotti, la regola del 2G deve essere applicata al livello federale in modo vincolante per tutti i luoghi della vita pubblica», in pratica serve «un lockdown per i non vaccinati». Lo ha detto - in un'intervista a Zdf - il futuro ministro tedesco dell'Economia Robert Habeck in vista della riunione di oggi tra Angela Merkel, Olaf Scholz e i governatori dei 16 Laender. «La Bundesliga non deve giocare con gli stadi pieni» alla luce dell'attuale situazione pandemica, ha poi aggiunto. 

Covid, in Germania cala l'incidenza

L'incidenza settimanale dei nuovi casi di Covid per 100.000 abitanti in Germania diminuisce, anche se solo di due decimali, per la prima volta in tre settimane, passando da 452,4 di lunedì a 452,2 oggi: è quanto emerge dai dati del Robert Koch Institut. Il mese scorso l'incidenza settimanale dei nuovi contagi era ancora a quota 153,7. Intanto, secondo l'organizzazione che riunisce i laboratori accreditati di medicina del Paese (Alm), il 21,18% degli 1,83 milioni di test Pcr effettuati è risultato positivo, contro il 19,9% della settimana scorsa. Nella ultime 24 ore la Germania ha registrato 45.753 infezioni, inclusi 388 decessi.

Variante Omicron, in Germania cinque casi confermati

In Germania sono 5 i casi di contagi con la variante Omicron confermati mentre sono in corso le analisi di sequenziamento per altri 5 positivi sospetti. I casi sono stati registrati in Baviera, Assia, Bassa Sassonia e Sassonia. In questo ultimo land uno dei contagiati non aveva di recente effettuato viaggi all'estero, secondo quanto riferito dalla portavoce di Lipsia. La Sassonia è tra i Laender tedeschi con la maggiore diffusione di coronavirus, con un'incidenza settimanale sopra i 1.300 nuovi casi ogni 100.000 abitanti (con punte di 2.133 nella circoscrizione dello Schweiz-Ostgebirge), mentre la Germania ha un'incidenza settimanale media di 452,2.


Ultimo aggiornamento: Martedì 30 Novembre 2021, 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA