Putin-Zelensky, la Russia apre a un incontro. «Possono discutere road map per la pace». Erdogan: «Turchia è con Ucraina»

Il Cremlino sarebbe pronto ad assumere un atteggiamento più morbido nei confronti di Kiev

La Russia apre a un incontro fra Putin e Zelensky

Per la prima volta dall'inizio della guerra, un incontro tra Vladimir Putin e Volodymyr Zelensky è possibile. Almeno secondo quanto trapela da fonti russe - citate da Cnn Turk - per le quali il Cremlino sarebbe pronto ad assumere un atteggiamento più morbido nei confronti di Kiev.

Putin licenzia il comandante della flotta del Mar Nero: al suo posto Viktor Sokolov. Kiev: «Guerra in stallo, Russia bloccata»

 

Media turchi: ok dalla Russia a incontro Putin-Zelensky

Secondo tali fonti Putin ha lasciato intendere di potere incontrare Zelensky nel corso dell'ultimo vertice con il presidente turco Recep Tayyp Erdogan, il 5 agosto a Sochi. Ed ora la parte russa ha affermato: «In primo luogo, i leader possono discutere e determinare una tabella di marcia» per porre fine alla guerra. «In seguito, le delegazioni possono iniziare a lavorare per mettere in pratica questa tabella di marcia».

La Cnn Turk ricorda che Zelensky aveva già offerto quattro volte a Putin un incontro bilaterale, che tuttavia era sempre stato respinto da Mosca. E invece, prima del vertice trilaterale che si svolge oggi a Leopoli tra Erdogan, Zelensky e Antonio Guterres, l'emittente registra un ammorbidimento della posizione russa. E se prima l'atteggiamento di Mosca era quello di far lavorare le delegazioni a una tabella di marcia, prima di un incontro tra i leader, ora la nuova posizione, spiegata dalle fonti russe citate dalla Cnn Turk è: «In primo luogo, i leader possono discutere e determinare una tabella di marcia. Quindi, le delegazioni possono iniziare a lavorare per dare vita a questa tabella di marcia».

L'intervento di Erdogan

La Turchia è «dalla parte dell'Ucraina». Lo ha detto Recep Tayyp Erdogan in conferenza stampa dopo l'incontro con Volodymyr Zelensky e il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres a Leopoli. «Mentre continuiamo a portare avanti i nostri sforzi per una soluzione» del conflitto, «rimaniamo dalla parte dei nostri amici ucraini», ha assicurato Erdogan.

«Abbiamo espresso le nostre preoccupazioni per il conflitto in corso attorno alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, non vogliamo vivere una nuova Chernobyl», ha quindi aggiunto sottolineando inoltre che «abbiamo detto al presidente Zelensky che la Turchia fornirà il supporto necessario per la ricostruzione dell'Ucraina, come ha fatto finora».

«Siamo pronti a mettere in campo il nostro ruolo di facilitatori e mediatori con l'obiettivo di riprendere il negoziato» per arrivare al cessate il fuoco tra Ucraina e Russia che era stato avviato a Istanbul ha quindi messo in chiaro il presidente turco.

Erdogan ha fatto quindi sapere che informerà l'omologo russo Vladimir Putin riguardo alle discussioni avute oggi a Leopoli con il capo di Stato ucraino Volodymyr Zelensky e il Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres. Lo rende noto Anadolu. «L'obiettivo dei nostri colloqui è stato come porre fine alla guerra, abbiamo parlato dei passi che possiamo intraprendere a questo proposito», ha affermato Erdogan a proposito degli incontri avuti con Zelensky e Guterres.


Ultimo aggiornamento: Sabato 20 Agosto 2022, 22:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA