Putin parla alla Russia: «Mobilitazione parziale, l'Occidente vuole distruggerci». Incubo guerra nucleare

Video

di Redazione web

Vladimir Putin parla alla nazione dopo lo scoppio della guerra in Ucraina. Il presidente russo, in un discorso tv, ha detto che «l'operazione militare speciale è stata inevitabile» ed ha dichiarato una «mobilitazione parziale in Russia, con il richiamo dei militari della riserva». I territori dell'Ucraina che hanno annunciato il referendum per l'adesione alla Russia «hanno il sostegno» di Mosca, ha aggiunto poi Putin. 

«Nella sua aggressiva politica anti-russa, l'Occidente ha superato ogni limite», ha detto il presidente russo che ha ribadito l'intenzione di usare «tutti i mezzi a nostra disposizione» e che coloro che stanno cercando di usare il ricatto nucleare contro la Russia scopriranno che le carte in tavola possono essere rivoltate contro di loro. «Non sto bluffando», ha aggiunto. 

Putin parla di mobilitazione, biglietti aerei da Mosca esauriti in poche ore

Benjamin Giorgio Galli, morto in Ucraina foreign fighter italiano di 27 anni: combatteva con l'esercito di Kiev

Tv di stato russa, nuovo attacco choc: «Avremmo dovuto lanciare la bomba atomica su Londra durante i funerali della regina»

Mobilitazione parziale

La mobilitazione parziale in Russia, a partire dalle riserve, è già cominciata oggi con la pubblicazione del relativo decreto del Cremlino. Saranno i capi delle diverse regioni a dover assicurare l'arruolamento nella quantità e nei tempi stabiliti dal ministero della Difesa.

La mobilitazione parziale in Russia prevede il richiamo di 300.000 riservisti. Si tratterà di uomini che hanno già servito nell'esercito, con esperienza di combattimento e specializzazioni militari. Sono esclusi i militari di leva. Lo ha detto il ministro della Difesa Serghei Shoigu, citato dalla Tass, aggiungendo che scopo della mobilitazione è «controllare i territori liberati» in Ucraina.

Putin: «Nostro obiettivo la liberazione di tutto il Donbass»

L'obiettivo di Mosca in Ucraina rimane «la liberazione di tutto il Donbass». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin, parlando di proposito «irremovibile» in un discorso alla nazione.

Nuovi bombardamenti russi sulla centrale di Zaporizhzhia

L'operatore nucleare ucraino Energoatom ha accusato oggi la Russia di aver nuovamente colpito la centrale atomica di Zaporizhzhia, nel sud dell'Ucraina. «I terroristi russi hanno bombardato nuovamente la centrale nucleare di Zaporizhzhia durante la notte», scrive Energoatom su Telegram.

 
Video

Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Settembre 2022, 13:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA