Colpito e ucciso durante una rissa: il dramma di Reece, 31 anni. «Era appena diventato papà»

Era un amico dell'ex calciatore dell'Arsenal Ian Wright. La polizia cerca il colpevole e spera nell'aiuto di testimoni

Colpito e ucciso durante una rissa: il dramma di Reece, 31 anni. «Era appena diventato papà»

Era da poco diventato papà di una bambina, ma non potrà vederla crescere. Reece Newcombe, pugile di 31 anni, è morto sabato scorso dopo una rissa da bar, probabilmente pugnalato a morte con dei vetri rotti, secondo le prime ricostruzioni della polizia. E mentre si cerca il colpevole, la sua famiglia e i suoi amici ne piangono la morte. «Era amato da tutti».

Investito da una bici, si infuria e chiede un risarcimento: pestato a sangue, muore nella notte

Rissa sul Richmond Bridge

I tabloid inglesi ne hanno parlato a lungo, oltre che per la tragicità della sua morte, perché era amico e personal trainer dell'ex calciatore dell'Arsenal Ian Wright. È stato uccisio dopo una rissa scoppiata in un bar sul Richmond Bridge, poco fuori dal Londra. Dopo essere stato colpito, è caduto in una pozza di sangue. Gli agenti di polizia accorsi hanno tentato di tenerlo in vita con una manovra cardiopolmonare. Una mossa disperata, prima che arrivasse l'ambulanza con i soccorritori. È riuscito ad arrivare vivo all'ospedale, ma le sue condizioni erano drammatiche. Poco più tardi si è arreso. Disposta l'autopsia, per stabilire l'esatto motivo della morte. 

Uomo trovato morto con i genitali tagliati: era stato condannato per molestie sessuali

 

Raccolta fondi per la figlia

«Riteniamo che un certo numero di persone abbia assistito allo svolgersi dell'incidente e alcuni testimoni potrebbero aver registrato filmati sui loro telefoni cellulari - dice l'investigatore che sta dirigendo le indagini - Chiunque deve ancora parlare con noi è invitato a farsi avanti immediatamente. Il mio team sta lavorando per fornire risposte alla famiglia di Reece e il pubblico potrebbe avere informazioni preziose che aiuteranno la nostra indagine». Attualmente non sono stati effettuati arresti a potenziali sospettati. I familiari hanno aperto una raccolta fondi su GoFundMe per aiutare la compagna, che adesso dovrà crescere la bambina da sola. Sono state raccolte già 31mila sterline.


Ultimo aggiornamento: Martedì 29 Novembre 2022, 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA