Prof si finge 17enne e chiede foto hot sui social ma incappa nella ragazzina "sbagliata"
di Federica Macagnone

Prof si finge 17enne e chiede foto hot sui social ma incappa nella ragazzina "sbagliata"

  • 85
    share
Amato e stimato, marito e padre esemplare, così bravo come docente da guadagnarsi il titolo di "insegnante dell'anno": insomma, se c'era qualcuno di cui potersi fidare era proprio lui, Kristopher Paul Beckstrom, 42enne professore di musica alla Landon Middle School di Jacksonville, negli Usa. Nessuno poteva immaginare che dietro la facciata si nascondesse qualcosa di torbido: e quando il velo sulla sua doppia vita è stato squarciato lo choc per tutti è stato enorme. Nel buio della sua stanza il professor Beckstrom passava ore online ad adescare ragazze minorenni alle quali, spacciandosi per un 17enne, chiedeva di scattarsi e inviargli foto in posizioni a luci rosse: smascherato da una sua studentessa, Beckstrom è stato licenziato in tronco dalla scuola e mercoledì è stato arrestato. 

L'indagine degli investigatori è scattata il 13 settembre, quando un'adolescente si è presentata alla polizia dicendo che da diversi giorni stava chattando online con l'utente "erikb20172018" che, sostenendo di essere un 17enne e corredando il suo profilo con la foto di un teenager, le chiedeva foto nude su Instagram e Snapchat. La ragazza ha raccontato di aver ignorato quelle richieste fino al 10 settembre, quando una utente di Instagram l'aveva contattata online inviandole uno screenshot del profilo "erikb20172018" e avvertendola: "Non è la persona che tu pensi che sia". L'utente aveva poi aggiunto di aver ricevuto un messaggio da "erikb20172018" con le stesse richieste di foto nude, ma di essersi insospettita vedendo che quel "ragazzo" continuava a inventare scuse per non collegarsi con lei con un video dal vivo, notando inoltre che le sue foto non sembravano corrispondere all'immagine del profilo.

A quel punto nella mente della ragazza è scattato un campanello d'allarme, tanto più che la descrizione delle foto del "ragazzo" fornita dall'utente sconosciuta ricordava in maniera impressionante il suo insegnante Kristopher Paul Beckstrom: e immediatamente ha contattato la polizia. Gli agenti hanno subito convocato il professore e non hanno impiegato molto a metterlo alle strette e a farlo confessare: mercoledì, grazie alla sua studentessa che lo ha incastrato, è scattato l'arresto tra l'incredulità generale. "Era un uomo eccezionale e un grande insegnante, per noi è una notizia scioccante" hanno dichiarato diversi genitori. Ma dietro l'apparenza c'era molto altro
Venerdì 21 Settembre 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
DALLA HOME