Coronavirus, il prete choc: «Niente vaccino a chi non va messa, che muoiano prima». Poi le scuse

Coronavirus, il prete choc: «Niente vaccino a chi non va messa, che muoiano prima». Poi le scuse

Un'uscita decisamente fuori luogo, quella di un sacerdote che, amareggiato per la scarsa presenza di fedeli durante la sua messa, dall'altare ha lanciato un appello alle autorità: «Quando ci sarà un vaccino per il coronavirus, gli ultimi a riceverlo dovranno essere coloro che non vengono a messa. Anzi, spero proprio che non ci sarà, che muoiano pure prima».

Leggi anche > Coronavirus, la numero 2 al mondo Simona Halep annuncia il forfait agli Us Open

Antonio Firmino Lopes Lana, parroco di San Giovanni Battista a Visconde do Rio Branco, in Brasile, dopo l'eucaristia aveva affermato: «Oggi vediamo veramente chi ama la fede. E non parlo di chi magari, per motivi di salute, è a rischio con il contagio da coronavirus. Ci sono alcuni cattolici, tutti belli, ricchi e in salute, che hanno tutto e dicono: "Andrò a messa solo quando ci sarà un vaccino". Bene, spero che non ci sia alcun vaccino per queste persone, che muoiano anche prima. Perché chi sta bene e non ha problemi ad uscire di casa, si professa cattolico ma poi non viene a messa, semplicemente non ha fede in Cristo».

Le parole del parroco hanno avuto una vasta eco, anche perché il video della messa era stato diffuso in diretta streaming. Come riporta 20minutos.es, le polemiche sul sacerdote hanno attraversato tutto il Brasile, dilaniato dai contagi (3.764.493 casi e 118.726 vittime dall'inizio dell'emergenza). Per questo motivo, don Antonio Lopes Lana ha dovuto pubblicare un video di scuse per le sue parole: «Anche io, come tutti voi, sono un peccatore e devo scusarmi innanzitutto con voi, che vi siete sentiti offesi per quell'uscita infelice. Chi mi conosce bene, sa che non augurerei la morte di nessuno. Ma essendo un peccatore, anche io ho le mie debolezze e faccio i miei errori, per questo vi chiedo perdono».


 
Ultimo aggiornamento: Venerdì 28 Agosto 2020, 16:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA