Porno vietati ai minorenni, un «passaporto» da comprare in edicola: ecco come funziona

Porno vietati ai minorenni, un «passaporto» da comprare in edicola: ecco come funziona

Una specie di lasciapassare per poter guardare i siti porno, per evitare che a fruire dei siti hard siano ragazzini minorenni. È l’idea che è stata proposta in Gran Bretagna, che prevede che chi vorrà navigare dovrà acquistare in edicola degli speciali “codici”: le nuove leggi introdotte quest’anno infatti prevedono che i siti web a luci rosse siano banditi ai minorenni.

Non fare sesso fa male alla salute: gli uomini sono più a rischio delle donne

Ma come funzionerebbe questo “porn-pass”? In poche parole, l’utente dovrebbe acquistarlo in edicola (ad un costo di circa 10 sterline) per ottenere un codice di 16 cifre che gli permetterebbe di dimostrare che è maggiorenne per poi accedere e navigare. I suoi dati personali non andrebbero ai portali hard, ma esclusivamente all’edicolante: particolare che certamente tutela la privacy online, ma non tutela quella, più “pratica”, di chi non vorrebbe far sapere ad uno sconosciuto, l’edicolante appunto, che si naviga sui siti porno.

Pupo porno a Le Iene: il suo primo film hard a Las Vegas

Non è ancora chiaro se questo tipo di iniziativa possa servire a qualcosa, soprattutto considerando che spesso i minorenni scaricano contenuti hard non utilizzando direttamente la mediazione dei siti porno, ma con il peer2peer, stesso canale utilizzato per scaricare musica, film o serie tv.

Le nuove regole dovevano essere presentate ad aprile, ma sono state per ora rinviate proprio per le criticità legate a questo tipo di situazioni: il British Board of Film Classification ha condotto una pubblica consultazione su come affrontare il problema dei limiti di età nel navigare su contenuti a luci rosse, e l’opzione di questo codice a 16 cifre è allo studio per capirne la fattibilità.

Il “porn-pass” non servirebbe ovviamente a quegli utenti che navigano sui siti a pagamento fornendo i propri dati personali attraverso la carta di credito. Recenti studi hanno dimostrato come quasi un milione e mezzo di bambini si sia imbattuto in contenuti pornografici, la metà tra i 6 e i 14 anni


Ultimo aggiornamento: Venerdì 18 Maggio 2018, 20:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA