Pesce d'Aprile ai tempi del coronavirus, in Thailandia è illegale: «Pene fino a cinque anni di carcere»

Pesce d'Aprile ai tempi del coronavirus, in Thailandia è illegale: «Pene fino a cinque anni di carcere»

Domani è il Pesce d'aprile e anche se ai tempi del coronavirus in pochi saranno in vena di fare scherzi, difficile dimenticare il tradizionale appuntamento con il primo giorno di questo mese. Fa impressione, inoltre, che in alcuni Paesi sia addirittura fuorilegge. In Thailandia, per esempio, il governo ha fatto sapere via Twitter che gli scherzi tradizionali saranno punibili con pene fino ai cinque anni di carcere. 

Leggi anche > Coronavirus, festa trash a Pozzuoli nel giorno dell'impennata dei contagi
 
 

Per i trasgressori sono previste anche multe di oltre tremila euro, ai sensi delle misure adottate per contenere i contagi da coronavirus. «È contro la legge far finta di avere il Covid-19 in questo Pesce di Aprile - fa sapere il governo - Nel mondo la gente sta soffrendo per il Covid19 e questo è il motivo per cui le persone devono essere più responsabili e non usarlo come pretesto per fare scherzi. 

Il governo della Thailandia ha proclamato lo stato di emergenza per fronteggiare la pandemia. Entrato in vigore giovedì, lo sarà fino al 30 aprile. Ai cittadini viene chiesto di '«non diffondere notizie false o indiscrezioni riguardo il Covid-19», si legge sempre su Twitter. Finora sono 1.651 i casi di coronavirus in Thailandia e dieci i morti.
Ultimo aggiornamento: Martedì 31 Marzo 2020, 21:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA