Cambiano la rotta dell'aereo per disegnare un pene in cielo: scoperto il motivo della "strana" manovra
di Nico Riva

Cambiano la rotta dell'aereo per disegnare un pene in cielo: scoperto il motivo della "strana" manovra

C'è chi disegna cerchi nel grano e chi invece simboli fallici in cielo. L'autore però di quest'ultimo esempio è senza ombra di dubbio terrestre. Si tratta di un pilota della Pobeda, la più grossa compagnia aerea low-cost della Russia. Lo "scherzo" dell'aviatore tuttavia è costato caro ad uno dei capi dell'azienda, che è stato licenziato. 

 

Leggi anche > Il mistero dei monoliti di metallo che appaiono in varie parti del mondo: tutto quello che dovete sapere

 

L'11 novembre scorso, il volo DP407 della Pobeda's airlines ha deviato dalla sua rotta Mosca-Ekaterinburg, mettendo a serio rischio l'incolumità dei passeggeri a bordo. Lascia ben poco spazio ai dubbi la traiettoria disegnata dai piloti: si tratta esplicitamente di un pene gigantesco sui cieli russi. 102 i passeggeri del velivolo "impazzito", la cui sicurezza è stata messa a repentaglio con delle manovre rischiose ed irregolari. L'Agenzia Federale russa sul Trasporto Aereo (Rosaviatsia) ha sottolineato i rischi e la pericolosità dell'operato del pilota e ha scaricato la colpa sui vertici della compagnia aerea, portando così al licenziamento di uno dei suoi manager. Ma a quale scopo è potuto capitare?

 

 

Secondo quanto emerso dalle successive indagini, l'intento dei piloti sarebbe stato manifestare il suo supporto ad un calciatore implicato in uno scandalo sessuale. Si tratta di Artëm Dzjuba, scaricato dalla nazionale di calcio russa pochi giorni dopo la comparsa online di un sextape con protagonista un uomo a lui somigliante. L'attaccante dello Zenit San Pietroburgo al momento è stato escluso dalla rosa dei convacati per i prossimi incontri della nazionale, ma l'ufficio stampa della squadra ha specificato che la scelta è per proteggere il calciatore da un'eventuale pubblicità negativa che influisca sulle sue prestazioni sportive. 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 9 Dicembre 2020, 18:02
© RIPRODUZIONE RISERVATA