Patrick Zaky, casi di Covid nella prigione dove è detenuto in Egitto: l'allarme di Amnesty Italia
di Simone Pierini

Patrick Zaky, casi di Covid nella prigione dove è detenuto in Egitto: l'allarme di Amnesty Italia

Casi di Covid-19 nella prigione dove è detenuto Patrick George Zaky, lo studente egiziano dell'Università di Bologna in carcere di Tora al Cairo, recluso con l'accusa con l’accusa di propaganda sovversiva. 

Leggi anche > I documenti top secret dell'Oms accusano la Cina: «Nascose i dati sul virus»

«Nonostante le smentite ufficiali, i gruppi egiziani per i diritti umani denunciano la diffusione del Covid-19 nella prigione di Tora», scrive su Twitter Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International Italia. «Intanto - aggiunge - per l'Eid sono stati scarcerati 3000 detenuti tra cui ladri e almeno un assassino ma non Patrick Zaky e gli altri»

«Si moltiplicano le voci secondo le quali in almeno due di quattro sezioni della prigione di Tora ci sono stati casi di contagio da Covid-19», aggiunge all'Ansa Noury. «Le autorità negano che un dipendente di Tora sia morto per aver preso il Covid all'interno del carcere. Dicono che lo ha preso in un ospedale dove è ricoverato per questioni mediche non correlate, però la sensazione, al contrario, dei gruppi per i diritti umani è che questo impiegato il Covid lo abbia preso all'interno di Tora e quindi abbia possibilmente contagiato altri».

«Questo - sottolinea - non fa altro che sostenere la richiesta immediata di attivazione della Farnesina tramite l'ambasciatore italiano al Cairo di una rapidissima scarcerazione per motivi umanitari di Patrick Zaky che, come è noto, è soggetto particolarmente a rischio» perché asmatico. «Se è vero che dentro Tora c'è il Covid non deve passare un attimo di più e deve essere rilasciato immediatamente», conclude. 
Ultimo aggiornamento: Martedì 2 Giugno 2020, 18:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA