Papà torna dal lavoro e trova le figlie di 6 e 2 anni morte in casa: uccise dalla moglie che ha tentato il suicidio

Papà torna dal lavoro e trova le figlie di 6 e 2 anni morte in casa: uccise dalla moglie che ha tentato il suicidio

Torna a casa dal lavoro e trova le sue tre figlie uccise dalla moglie. Graham Dickason, un chirurgo ortopedico, è tornato a casa sua a Timaru, nella regione meridionale di Canterbury della Nuova Zelanda, ma al rientro non ha trovato la sua famiglia ad accoglierlo ma una vera e propria tragedia. 

 

Leggi anche > Naufragio con la barca di famiglia, mamma muore disidratata: ha allattato i figli per giorni aggrappata a un gommone

 

La moglie, Lauren Dickason, ha ucciso la figlia di 6 anni e le due gemelline di 2 prima di provare lei stessa a togliersi la vita. Al suo ritorno a casa l'uomo ha trovato le bambine, per cui ormai non c'era più nulla da fare in una pozza di sangue, mentre la moglie era in gravissime condizioni. Immediatamente  Dickason ha allertato i vicini e chiamato i soccorsi che sono potuti intervenire solo sulla donna che ora si trova in ospedale ma non è in pericolo di vita. 

 

Graham e sua moglie Lauren, anche lei medico, con le loro figliolette erano arrivati a Timaru da appena una settimana dopo essersi trasferiti dal Sudafrica e aver terminato il periodo di isolamento e quarantena previsti dalle norme anti covid locali. Dalle foto sui social sembravano una famiglia come tante, felice, con le loro bambine sorridenti, dietro i loro volti invece forse si celava un malessere sconosciuto. 


Ultimo aggiornamento: Sabato 18 Settembre 2021, 15:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA