Le annullano il pap test durante il lockdown: «Ora ho il cancro al collo dell'utero»

Pap test annullato per il lockdown: «Ora ho il cancro al collo dell'utero»

Un'infermiera di 28 anni di Londra, Destiny Wade, ha scoperto un tumore al collo dell'utero e ha denunciato un ritardo della diagnosi a causa del lockdown da coronavirus. Nei mesi scorsi aveva prenotato un pap test, ma l'esame è stato annullato a causa del blocco e del sistema sanitario in affanno. Destiny doveva sottoporsi al test a marzo, ma la pandemia ha preso il sopravvento.

Leggi anche > Vicenza, una bambina risulta positiva al coronavirus, chiuso il centro estivo

La 28enne di Crayford, nel sud-est di Londra, sta ora esortando le persone a non annullare gli appuntamenti e le visite mediche. La giovane lavora come infermiera oncologica e ha cominciato a notare sintomi come il sanguinamento dopo il sesso, ma i medici la rassicuravano sostenendo che si trattava soltanto di una banale cisti. Ora Destiny non può più avere bambini. 

La storia di Destiny è venuta fuori dopo che alcune famiglie hanno denunciato la morte dei loro cari a causa del lockdown, come ricorda il Sun. L'appello è stato lanciato dalla famiglia di Kelly Smith, malata di cancro intestinale di stadio 4, che è morta dopo che la sua chemio è stata interrotta.

E Destiny parla di malasanità: «Quando ho sollevato il mio problema mi hanno detto che ero troppo giovane e che il rischio di avere il cancro cervicale era troppo basso. Mi hanno detto 'Non sei una priorità' e che avrei potuto prendere un appuntamento nei prossimi 6 mesi. Ora ho un tumore grande quanto una palla da tennis».


 
Ultimo aggiornamento: Martedì 14 Luglio 2020, 20:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA