Olanda, sì alle nozze gay anche per la famiglia reale: «Non è un problema per il governo»

Olanda, sì alle nozze gay anche per la famiglia reale: «Non è un problema per il governo»

Il Primo Ministro olandese Mark Rutte dichiara: «Nulla impedisce alla principessa ereditaria Amalia di sposare una donna, se lo desidera»

L'Olanda si dimostra, ancora una volta, il Paese più aperto ai diritti della comunità Lgbt. Per la prima volta nella storia, un Paese dà il via libera ai matrimoni gay anche all'interno della famiglia reale. «Nulla impedisce alla principessa ereditaria Amalia di sposare una donna, se lo desidera».

 

Leggi anche > Gemelli transgender cambiano sesso nello stesso giorno: ora sono Giulia e Gaia. È il primo caso in Italia

 

È quanto scrive il quotidiano olandese De Telegraaf riferendo le dichiarazioni del primo ministro olandese Mark Rutte al quale sono state poste una serie di domande dai parlamentari sui possibili problemi legati alla successione al trono.

 

Il partito Vvd voleva, infatti sapere dal primo ministro se l'erede olandese, la principessa Amalia, 17 anni, avrebbe dovuto rinunciare al trono in caso intenda sposare un partner dello stesso sesso. «Non è un problema per il governo», ha sottolineato Rutte, riferendo che la questione non riguarda Amalia in particolare e che la posizione del governo vale per ogni erede al trono sia uomo sia donna. In olanda il matrimonio gay è legale dal 2001 e adesso anche i reali potranno essere liberi di mantenere fede alle loro preferenze sessuali, senza il timore di perdere il diritto di successione al trono. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 14 Ottobre 2021, 23:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA