Notre-Dame, come sta il vigile del fuoco ferito. «Dalla folla applausi per i 500 pompieri»

I vigili del fuoco di Parigi si sono impegnati in maniera eroica, dal tardo pomeriggio di ieri, per salvare la cattedrale di Notre-Dame dal devastante incendio che ha distrutto la guglia. E un vigile del fuoco è rimasto ferito nelle operazioni, secondo quanto reso noto dal comandante di brigata Jean-Claude Gallet: le sue condizioni sarebbero gravi, scrivono i media francesi. «Si può considerare che la struttura di Notre Dame sia salva nella sua globalità», ha assicurato Gallet.

Notre-Dame, sistema antincendio flop: «Fiamme diffuse dalle guaine di protezione»

I vigili del fuoco intervenuti, circa 500, sono stati a lungo applauditi dalla folla arrivata per assistere a quanto stava succedendo, scrive Le Monde. I passanti, nell'assistere al rogo che rischiava di distruggere uno dei monumenti più famosi di Parigi, hanno anche pregato e cantato canzoni religiose: Notre-Dame conta 13 milioni di turisti all'anno ed è uno dei simboli della capitale francese e patrimonio dell'Unesco dal 1991.

Intanto le opere d'arte sottratte alle fiamme verranno trasferite al Louvre entro domani, rende noto BFMTV, precisando che i cimeli estratti dall'edificio in fiamme sono recensiti nel «piano di salvaguardia» della cattedrale, procedura messa in atto in caso di emergenze. «Bisognava tirarli fuori, in mezzo al fumo, tra pezzi di materiale incandescente che cadevano e proteggerli da tutto questo», ha spiegato il generale Gallet, spiegando le difficoltà aggiuntive che i pompieri si sono trovati ad affrontare. Le opere che non si è riusciti a portare fuori sono state messe al riparo dall'acqua che scendeva dall'alto.

Martedì 16 Aprile 2019, 10:54
© RIPRODUZIONE RISERVATA