Le ultime parole dei no-vax prima di morire: «Molti, prima di essere intubati, mi chiedono il vaccino»

Le ultime parole dei no-vax prima di morire: «Molti, prima di essere intubati, mi chiedono il vaccino»

«Molti pazienti, prima di essere intubati, mi chiedono il vaccino». Sono queste le parole di Brytney Cobia, dottoressa dell'Alabama, che in un post su Facebook ha voluto raccontare cosa sta succedendo nel suo ospedale, ma in generale negli Usa con la diffusione della Variante Delta. I casi sono in aumento, soprattutto tra i giovani e alcuni pazienti iniziano a sviluppare gravi forme della malattia, tutti o quasi, no vax.

 

Leggi anche > Vaiolo delle scimmie, dopo il morto in Cina arriva negli Stati Uniti: primo contagiato, scatta il tracciamento

 

La dottoressa ha spiegato che anche diversi giovani stanno finendo in terapia intensiva, molti dei quali hanno sempre affermato che non avrebbero fatto mai il vaccino. Loro, precisa, sono gli stessi che implorano di ricevere il vaccino prima di essere intubati, anche se purtroppo in quei casi è troppo tardi. «Io tengo loro la mano e gli spiego che ormai è troppo tardi. Pochi giorni dopo, quando stanno per morire, chiamo i loro familiari e gli spiego che il miglior modo per onorare il loro caro è farsi vaccinare e incoraggiare tutti coloro che conoscono a fare lo stesso», aggiunge il medico. 

 

Poi conclude: «I parenti delle vittime piangono, mi dicono che non lo sapevano e che credevano che fosse tutta una bufala, una trovata politica. Credevano di il loro gruppo sanguigno o il colore della loro pelle non li avrebbe fatti ammalare, erano convinti che fosse solo un'influenza. Si sbagliavano. Ora vorrebbero tornare indietro, ma capiscono che non possono e spesso corrono a farsi vaccinare».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 22 Luglio 2021, 13:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA