Nizza, attentato a Notre-Dame: tre morti, decapitate due persone. Macron: «La Francia è sotto attacco»

Video

Un tragico attentato terroristico sconvolge ancora una volta la Francia. Un attacco all'arma bianca è avvenuto stamattina a Nizza nei pressi delle chiesa di Notre-Dame: il bilancio provvisorio è di tre morti e diversi feriti. Le due persone morte all'interno della cattedrale sono state «sgozzate» o «decapitate», secondo le diverse fonti. Una terza vittima, una donna, si è rifugiata in un bar vicino alla chiesa, dove è morta poco dopo per le conseguenze delle ferite, riferisce la radio France Info. L'aggressore, ha detto il funzionario, è stato ferito e fermato dalla polizia e si trova in ospedale.

 

 

Leggi anche > Le ultime parole di una delle donne uccise: «Dite ai miei figli che li amo»

 

L'assalitore di Nizza si chiamerebbe 'Brahim A.' e ha parlato in arabo alla polizia che lo ha neutralizzato. In ospedale ha detto di aver agito da solo, riferiscono Le Parisien e Le Monde. Il killer di Nizza «è arrivato da pochissimo tempo da Lampedusa», ha twittato il deputato della regione di Nizza, Eric Ciotti, affermando di aver appena chiesto ad Emmanuel Macron, in una riunione sul luogo dell'attentato, di «sospendere qualsiasi flusso migratorio e qualsiasi procedura di asilo, in particolare alla frontiera italiana».

 

«L'assalitore dell'attentato di Nizza - scrive Ciotti sul suo profilo Twitter - è un tunisino giunto pochissimo tempo fa da Lampedusa». Per lui, «con la crisi sanitaria e della sicurezza, non va più tollerato nessun ingresso». «Sospendiamo ogni procedura di asilo e di rilascio dei visti dai Paesi a rischio!», conclude il deputato dei Républicains eletto nel dipartimento di Alpes-Maritimes, al confine con l'Italia.

 

«L'autore dell'attentato, mentre veniva medicato dopo essere stato ferito dalla polizia, continuava a gridare senza interruzione Allah Akbar», ha riferito il sindaco di Nizza, Christian Estrosi, intervistato da BFM-TV. Per Estrosi, «non c'è alcun dubbio sulla natura dell'attacco». «Tutto lascia supporre si tratti di un attentato terroristico in seno alla basilica di Notre-Dame», aveva detto poco prima il sindaco. L'inchiesta è stata affidata alla procura antiterrorismo. Al momento si tratta di un'inchiesta per «omicidio» e «tentato omicidio».

 

 

 

CHI SONO LE TRE VITTIME Secondo quanto riportano i media francesi le vittime dell'attentato della basilica di Notre-Dame, a Nizza, sono due donne e un uomo. Si tratta di una fedele di circa 70 anni, una donna di una trentina di anni accoltellata ripetutamente e quindi deceduta per le conseguenze delle sue ferite e infine un uomo, il sagrestano della chiesa, Vincent, padre di due figlie.

 

 

MACRON E IL PREMIER CASTEX ALL'UNITA' DI CRISI Il premier francese, Jean Castex, ha lasciato l'Assemblea Nazionale per recarsi alla cellula di crisi in Place Beauvau, dopo l'attacco a Nizza. Dopo il minuto di silenzio osservato dai deputati, il presidente dell'Assemblea, Richard Ferrand, ha sospeso la seduta. Anche Macron si è recato presso l'unità di crisi dopo l'attentato, ha affermato l'Eliseo. «Immenso cordoglio dopo l'attentato che ha appena colpito la città di Nizza all'interno della Chiesa di Notre-Dame», scrive in un tweet il deputato delle Armes Maritimes, Eric Ciotti. In un altro messaggio pubblicato poco prima, Ciotti aveva scritto che «eventi molto gravi si stanno producendo attualmente vicino alla chiesa di Notre-Dame di Nizza. Sostegno alle forze di sicurezza. Evitate il settore!».

 

 

PARROCO: ERAVAMO STATI ALLERTATI«Eravamo stati avvisati da due, tre giorni, che c'era il rischio di attacchi supplementari con l'approssimarsi delle Feste di Ognissanti, perché alcuni facevano il legame tra la festa dei morti cristiani e il fatto di far crescere il numero di morti»: lo ha detto il parroco di Nice-Centre, Gli Florini, intervistato da BFM-TV in seguito all'attacco alla Basilica di Notre-Dame. «Stavamo in guardia ma non pensavamo che sarebbe potuto accadere in questo modo», ha aggiunto. 

 

CONSIGLIO CULTO MUSULMANO CONDANNA ATTACCO Il Consiglio francese del culto musulmano condanna «con forza l'attentato terroristico» di Nizza. «In segno di lutto e di solidarietà alle vittime e i loro cari», si legge su Twitter, invita i «musulmani di Francia ad annullare tutte le festività della festa del Malwid».

 

ALTRO ATTACCO AD AVIGNONE Un uomo armato di un coltello è stato ucciso dalla polizia ad Avignone: è quanto riferisce radio Europe 1, precisando che l'uomo avrebbe tentato di attaccare dei polizioti in strada, verso le 11:15. L'aggressore avrebbe gridato 'Allah Akbar'. 

 

MACRON A NIZZA «La Francia è sotto attacco» ha detto il presidente Emmanuel Macron , «noi non cederemo». «Aumenteremo la presenza dell'esercito nelle strade, proteggeremo tutti i luoghi di culto e le scuole perché la festa di Ognissanti possa passare in tranquillità e successivamente il rientro nelle classi». «A qualunque religione si appartenga, che si sia credenti o atei, dobbiamo unirci e non cedere a uno spirito divisivo. I cattolici hanno il sostegno di tutta la Francia. La religione deve essere esercitata liberamente, perché è un valore. Si deve avere la possibilità di scelta del proprio culto». Macron, ha annunciato anche il passaggio da 3.000 a 7.000 i militari dell'operazione 'Sentinelle', preposta alla sorveglianza armata antiterrorismo ad opera dell'esercito. 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 29 Ottobre 2020, 17:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA