New York, il giorno più nero: ha più casi Covid-19 dell'Italia. Record di morti: 731 in un giorno

di Simone Pierini
New York ha registrato la sua giornata più nera, con un record di 731 morti in sole 24 ore e un balzo dei contagi che salgono a oltre 138mila, più dell'Italia intera. In totale le vittime newyorchesi sono 4.758, di cui oltre tremila dal 2 al 6 aprile, una progressione impressionante. Così come scioccante è l'escalation su scala nazionale, con gli Stati Uniti che ora piangono complessivamente oltre 11mila morti di cui 5 mila negli ultimi cinque giorni.

Leggi anche > Coronavirus, a New York si pensa a fosse comuni nei parchi per i corpi delle vittime

Ad incupire ancor di più il quadro newyorchese lo scenario da Grande Depressione descritto dal sindaco Bill de Blasio, per il quale già mezzo milione di residenti nella Grande Mela è rimasto senza lavoro o sta per perderlo. A lanciare un altro drammatico allarme, poi, il capo della sanità pubblica americana: la comunità nera è quella più a rischio. Questo a causa delle condizioni mediche preesistenti, radicate in una storia di stenti e povertà, e a causa della diffusa mancanza di accesso alle cure.

«Io stesso - ha detto Jerome Adams, afroamericano - rappresento una triste eredità di gente cresciuta povera in questo Paese». Un esempio della situazione sono gli ultimi dati sul focolaio di Chicago, dove più della metà dei casi di coronavirus e il 72% dei decessi riguardano la comunità afroamericana, anche se i neri rappresentano solo il 30% della popolazione.
Ultimo aggiornamento: Martedì 7 Aprile 2020, 20:48
© RIPRODUZIONE RISERVATA