Neonazista faceva propaganda sul web: condannato a leggere i classici della letteratura

Neonazista faceva propaganda sul web: condannato a leggere i classici della letteratura

Faceva propaganda neonazista sul web e, sempre online, aveva anche fatto delle ricerche su come preparare delle bombe fai-da-te. Nonostante quanto commesso, tuttavia, un giovane di estrema destra è stato condannato da un giudice con una pena che farà discutere per la sua morbidezza: dovrà leggere alcuni dei classici della letteratura.

 

Leggi anche > Sbaglia a scrivere il nome del vaccino sul certificato, turista viene arrestata in aeroporto

 

La singolare condanna è arrivata a carico di Ben John, 21enne ex studente universitario residente a Lincoln, in Gran Bretagna. Nel suo pc, il giovane aveva ammassato oltre 60mila documenti contenenti materiale anti-semita, propaganda dei suprematisti bianchi e soprattutto le istruzioni per costruire ordigni esplosivi, facendo così scattare una imputazione (e la successiva condanna) in base al Terrorism Act. In un primo momento, era stato condannato a due anni dalla Leicester Crown Court, ma poi, a sorpresa, è arrivata la clamorosa domanda del giudice Timothy Spencer: «Ha mai letto i romanzi di Charles Dickens o Jane Austen?».

 

In aula, poi, il giudice ha elencato una serie di romanzi che Ben John sarà obbligato a leggere, tra cui 'Racconto di due città' e 'Orgoglio e pregiudizio'. Il 21enne, ora, dovrà tornare in aula il 4 gennaio, sempre di fronte allo stesso giudice, che lo interrogherà sulle letture. Anche se mossa da una certa propensione pedagogica la sentenza ha scatenato una polemica. L'associazione anti-razzista Hope Not Hate ha chiesto all'ufficio del Procuratore generale per l'Inghilterra e Galles che il verdetto venga al più presto rivisto. Il responsabile del gruppo, Nick Lowles, ha dichiarato: «In questo modo si diffonde il messaggio che gli estremisti di destra violenti possono essere trattati con indulgenza dai tribunali».


Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Settembre 2021, 23:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA