Negazionisti covid, il racconto dell'infermiera che li cura: «Muoiono dicendo 'Non esiste, che malattia ho?'»

Video
di Silvia Natella

Non credono all'esistenza del coronavirus e non cambiano idea neanche in punto di morte. Dal racconto di un'infermiera del Sud Dakota, negli Stati Uniti, emergono dettagli drammatici su come i negazionisti colpiti dal Covid-19 continuino a essere scettici dopo l'infezione. «La cosa più tragica è vederli morire increduli: continuano a dire che il coronavirus non esiste anche mentre li sta uccidendo. Le loro ultime parole a volte sono: dimmi la verità, che malattia ho?», dice Jodi Doering in tv in un'intervista alla Cnn

 

Leggi anche > Covid, il dato choc sui morti in Italia (731): perché è così alto?

 

LO SFOGO DI JODI Lo sfogo della giovane infermiera americana è arrivato sugli schermi televisivi dopo essere diventato virale sui social. Racconti che arrivano dagli Stati Uniti, ma che potrebbero appartenere a molti medici e infermieri che in questo momento sono in prima linea nella battaglia contro il coronavirus. Gli Stati Uniti sono il Paese più colpito dalla pandemia con i suoi 150 mila contagiati e mille morti al giorno e mentre nella prima ondata erano state colpite soprattutto le grandi metropoli, in queste settimane si assiste a una "geografia del contagio" diversa con il Midwest e le zone rurali che vedono le infezioni moltiplicarsi e le strutture sanitarie al collasso.  

 

 

 

 

LA MALATTIA In questa porzione d'America sono in molti ad aver sottovalutato la pandemia e nei reparti d'ospedale si dicono convinti di avere l'influenza o persino il cancro ai polmoni. Lo fanno anche quando Jodi li spinge a parlare con i propri cari prima che sia troppo tardi. Immagini e parole che resteranno impresse nella mente di questa infermiera.  «Ho una notte di riposo dall'ospedale. Dato che sono sul divano con il mio cane non posso fare a meno di pensare ai pazienti Covid degli ultimi giorni. Quelli che spiccano sono quelli che ancora non credono al virus è reale. Ti dicono che deve esserci un altro motivo per cui sono malati. Ti chiamano per nome e ti chiedono perché devi indossare tutta quella 'roba' perché il Covid non è reale. Sì. Succede davvero», ha scritto Jodi in un tweet.

 

 

 

 

 

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 18 Novembre 2020, 10:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA