Muore a 17 anni giocando alla «roulette russa», gli amici nascondono il corpo in un armadio
di Simone Pierini

Muore a 17 anni giocando alla «roulette russa», gli amici nascondono il corpo in un armadio

​Un ragazzo di Las Vegas di 17 anni è morto durante una partita di "roulette russa". Il corpo di Matthew Minkler è stato ritrovato venerdì sera in una casa abbandonata a Henderson, in Nevada, a circa 16 miglia da Las Vegas. 



Jaiden Caruso, 16 anni, è accusato di omicidio. Così come Kody Harlan, 17 anni, che è accusato anche di distruzione di prove. Il corpo di Minkler sarebbe stato trascinato e nascosto in un armadio al piano inferiore dell'appartamento dopo essere stato ucciso a colpi di arma da fuoco in cucina.
 
 

La roulette russa è un folle gioco mortale. Viene caricato un singolo proiettile in una pistola, poi si procede a premere il grilletto. Solo la fortuna può salvarti la vita. Ma, nel caso contrario, il destino è segnato. 

«Siamo devastati e feriti oltre l'immaginabile - dicono i genitori del giovane - Non potremo più vedere quel bel sorriso o ricevere quegli abbracci affettuosi di Matt che illuminavano i nostri giorni»
Giovedì 14 Giugno 2018 - Ultimo aggiornamento: 12:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-06-14 19:12:10
i russi sono pazzi... ma si può giocare ad un gioco del genere?
2018-06-15 07:49:23
Approvo di base la tua opinione... ma i ragazzi sono statunitensi... Di 'russo' vi è solo la roulette... Il fatto che questo 'gioco' venga definito così vi rimando alla ricerca su Wikipedia... Rimane il discorso di base: da giovani si è sempre dei 'decerebrati'ma ultimamente stanno veramente impazzendo... cose su cui non vi è nemmeno bisogno di riflettere per capire che sono pericolose... cose che fanno male ma così male da essere tossiche... cose così sbagliate da essere illegali a livello di codice penale e passibili di prolungata detenzione... Si sono sempre fatte alcune cose 'solo per scommessa' oppure 'per farsi vedere'... Sono una possibile 'versione civile' dei vecchi 'riti di passaggio' delle tribù in cui un giovane (genericamente i maschi... ma in alcuni casi ed etnie anche le femmine) si sottoponeva a prove quasi impossibili o comunque complesse e/o apparentemente controsenso (una notte su di un palo in equilibrio, andare a caccia del coccodrillo con armi improvvisate poco prima, sopravvivere nel deserto per una certa quantità di tempo, ecc... e sorvolo sulle 'prove al femminile' perchè si dovrebbero aprire discorsi ancora più complessi e riflettere su costumi ed usanze) che dovevano rappresentare eventuali difficoltà future. Oggi... non si sa più cosa pensare... Solo che che gli umani stanno facendo di tutto per estinguersi... L'evoluzione e la sopravvivenza sono del più intelligente, del più furbo, del più forte, del più veloce... non ho mai sentito 'del più stupido'.
DALLA HOME