Brasile, morto presentatore tv negazionista: Stanley Gusman era contro il distanziamento sociale

Video
di

Tragedia legata al coronavirus nel mondo della televisione brasiliana. Il presentatore tv brasiliano Stanley Gusman, celebre per le sue posizioni negazioniste nei confronti della pandemia di Covid-19, è morto la scorsa notte a 49 anni in un ospedale di Belo Horizonte dove era stato ricoverato lo scorso 4 gennaio per gravi problemi respiratori.

 

Gusman si era scagliato contro il sindaco di Belo Horizonte, Alexandre Kalil, reo a suo giudizio di aver consigliato di evitare riunioni familiari a Natale. «Andrò dai miei genitori a Natale, non li ucciderò per questo. Credo che sia una mancanza di rispetto da parte del sindaco: non si impicci della mia famiglia. Difenderò mio padre e mia madre», disse dagli schermi Gusman.

 

Ai primi sintomi di Covid, il presentatore annunciò di aver cominciato una terapia a base di idrossiclorochina, il farmaco consigliato dal presidente Jair Bolsonaro, e aggiunse che non si sarebbe fatto misurare la temperatura all'ingresso di negozi e centri commerciali sostenendo che il termometro a raggi infrarossi danneggiava le cellule cerebrali.

 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 11 Gennaio 2021, 23:34
© RIPRODUZIONE RISERVATA