La casa degli orrori, 18enne lasciato morire da mamma, nonna e sorella. Nello zaino lo scheletro di un neonato

La casa degli orrori, 18enne lasciato morire da mamma, nonna e sorella. Nello zaino lo scheletro di un neonato
Un ragazzo di 18 anni morto di stenti. Ad "ucciderlo" la mamma, la nonna e la sorella che non si sarebbero prese cura di lui fino a ridurlo uno scheletro, tanto da definire le sue condizioni come quelle di una vittima di un campo di sterminio della Seconda Guerra mondiale. E' successo nello Yorkshire.

Susanna stuprata e uccisa a 14 anni: due sospettati, uno è un profugo. «È scappato in Iraq»

Sua madre, Dawn Cranston, 45 anni, la nonna Denise Cranston, 70 anni, e la sorella Abigail Burling, 25 anni, sono accusate di omicidio colposo. Jordan Burling,  morì "completamente indifeso" su un materasso gonfiabile.

È morto a causa di malnutrizione, immobilità e piaghe infette da infezione dopo essere stato "abbandonato" per diverse settimane prima della sua morte, si presume. Il suo corpo era pieno di piaghe da decupito. 

E nell'orrore
si aggiunge altro orrore: mentre la polizia svolgeva ricerche nella stanza di Jordan dopo la sua morte, avrebbe scoperto i resti di un neonato in uno zaino.
 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 7 Giugno 2018, 16:46
© RIPRODUZIONE RISERVATA