Addio Regina Elisabetta, cosa prevede il protocollo reale nei prossimi 10 giorni

Giorno dopo giorno, gli impegni del nuovo re, Carlo III ed il rigido protocollo che accompagna la nazione ad un lungo omaggio alla sua Regina

Addio Regina Elisabetta, cosa prevede il protocollo reale nei prossimi 10 giorni

Dopo la morte della Regina Elisabetta II, c'è un lungo e rigido protocollo per i prossimi 10 giorni, che riguarda tutta la famiglia reale, ed in particolare il futuro Re, Carlo III. Già oggi, infatti, Carlo III e la Regina Consorte, Camilla, lasceranno la residenza di Balmoral per fare rientro a Londra, dove prima del loro arrivo ci sarà un saluto a colpi di arma da fuoco. Il primo impegno istituzionale di Carlo, sarà l'incontro con il Primo Ministro, Liz Truss, ed il discorso tv pre-registrato alla nazione, trasmesso alle 18. Le campane suoneranno all'Abbazia di Westminster, alla Cattedrale di St Paul e al Castello di Windsor e i colpi di pistola, 96 per l'esattezza, uno per ogni anno di vita della regina, saranno sparati ad Hyde Park e in altre stazioni.

Addio Elisabetta, l'inno non sarà più God save the Queen. Cambiano anche francobolli e moneta

Cosa accadrà nei prossimi 10 giorni

Giorno 1

Nel primo giorno dopo la morte di Elisabetta II, il Consiglio di adesione si riunirà al St James's Palace di Londra per proclamare formalmente Re Carlo, nuovo monarca della nazione, ed è il primo evento ufficiale a cui parteciperà il re, che andrà in onda per la prima volta in televisione e terrà udienze con il Primo Ministro e il Gabinetto.

Giorno 2

La bara della regina dovrebbe essere portata su strada al Palazzo di Holyroodhouse a Edimburgo. I proclami verranno letti nei parlamenti di Scozia, Galles e Irlanda del Nord a Edimburgo, Cardiff e Belfast.

Regina Elisabetta, l'addio dei potenti di tutto il mondo. Da Biden a Papa Francesco: «Ha segnato un'era»

Giorno 3

È prevista una processione lungo il Royal Mile fino alla Cattedrale di St Giles ed il pubblico potrebbe avere la possibilità di passare davanti alla bara della regina, mentre il nuovo re, si recherà negli altri paesi del Regno Unito,  Galles e Irlanda del Nord, in quello che è chiamato con un altro nome in codice Operation Spring Tide.

Giorno 4

La bara di Elisabetta II dovrebbe essere trasportata in aereo a Londra, e lasciata a Buckingham Palace, dove si svolgeranno le prove per la processione in cui la bara sarà trasportata dal palazzo reale a Westminster.

Giorno 5

Ha inizio Operation Marquee, con quattro giorni interi di processione cerimoniale attraverso Londra, dove si attende il pellegrinaggio di commiato di centinaia di migliaia di persone, che passeranno davanti alla bara per rendere omaggio e secondo il protocollo, i membri della famiglia reale, dovrebbero fare la guardia alla bara della regina.

Addio Elisabetta, Berlusconi: «Autorevole ma garbata». Quando la Regina lo rimproverò perché urlava troppo

Dal giorno 6 al giorno 9

Avranno luogo le prove per il corteo funebre di stato e si attende l'arrivo dei capi di stato dei vari paesi che parteciperanno ai funerali di Elisabetta II.

Giorno 10

I funerali di stato della regina dovrebbero tenersi all'Abbazia di Westminster, in diretta tv e si prevedono due minuti di silenzio nazionale. I membri più anziani della famiglia dovrebbero seguirli, proprio come hanno fatto per il funerale di Diana, mentri i capi di stato, primi ministri e presidenti, reali europei saranno invitati a riunirsi nell'Abbazia, che può ospitare una congregazione di 2.000 persone. 

In serata, al termine della funzione pubblica, ci sarà la sepoltura privata alla presenza dei membri della famiglia reale. L'ultima dimora di Elisabetta II sarà la cappella di re Giorgio VI, dove furono sepolti sua madre e suo padre, insieme alle ceneri di sua sorella, la principessa Margaret.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 9 Settembre 2022, 12:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA