Miliardario arrestato per l'omicidio della moglie scomparsa nel 2018: «Ha depistato le indagini»

Miliardario arrestato per l'omicidio della moglie scomparsa nel 2018: «Ha depistato le indagini»

Svolta nelle indagini sulla scomparsa di Anne-Elisabeth Hagen, moglie di uno degli uomini più ricchi della Norvegia. Tom Hagen è stato arrestato questa mattina perché sospettato di avere ucciso la moglie o di aver avuto un ruolo nel suo omicidio. Il magnate, 70 anni, è stato arrestato mentre si recava al lavoro. La donna è scomparsa un anno e mezzo fa e si è subito pensato a un sequestro. La vicenda fece scalpore nel Paese.

Leggi anche > Fabio, l'amico di Nina Moric, testimonia contro Luigi Favoloso: «Meglio se sta zitto»​

Come ricorda il Telegraph, si persero le sue tracce il 31 ottobre del 2018. «I sospetti su Hagen si sono rafforzati nel tempo», ha spiegato il procuratore Ase Kjustad Eriksson. Dopo che sono scattate le manette, le forze dell'ordine sono tornate nell'abitazione della coppia nei pressi di Oslo per una perquisizione. 

«Non c’è stato un rapimento, faceva parte di un depistaggio pianificato», ha rivelato Tommy Broske, responsabile dell’indagine di polizia. Il riscatto di nove milioni di euro, inoltre, fu chiesto in criptavaluta per rendere impossibile il tracciamento. Hagen comparirà domani davanti a un giudice per la convalida dell’arresto. 

Hagen è considerato la 172esima persona più ricca della Norvegia. Sarà difeso da Svein Holden, l’avvocato che ha perseguito Anders Behring Breivik, il killer che fece una strage di massa a Utoya, in Norvegia.
Ultimo aggiornamento: Tuesday 28 April 2020, 22:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA