Meghan Markle testimone processo del principe Andrea, accusato di violenza sessuale
di Elena Fausta Gadeschi

Meghan Markle testimone al processo del principe Andrea, accusato di violenza sessuale

I legali dell'accusa: «Possiamo contare sul fatto che dirà la verità»

Meghan Markle potrebbe essere chiamata a testimoniare al processo del principe Andrea, accusato di violenza sessuale. Ad annunciarlo è l'avvocato di Virginia Roberts Giuffre, la ragazza che a 17 anni sarebbe stata abusata dal figlio della regina, a sua volta amico del milionario suicida Jeffrey Epstein.

 

Gli incontri contestati al principe Andrea sarebbero tre – a Londra, a New york e alle isole Vergini –, tutti risalenti agli anni 1999-2002, quando Virginia era ancora minorenne. Si tratta di vicende di oltre 20 anni fa eppure la testimonianza di Meghan Markle a processo potrebbe essere cruciale.

 

Le ragioni le elenca lo stesso legale dell'accusa. «Primo: [Meghan] è negli Stati Uniti, quindi abbiamo giurisdizione su di lei. Secondo: è una persona che ovviamente, almeno per un periodo di tempo, è stata una stretta collaboratrice del principe Andrea e quindi è in grado di dire se ha visto qualcosa o, se non ha visto niente, di riferire quanto sentito dire da altra gente. Terzo: possiamo contare sul fatto che dirà la verità». Nonostante le non brillanti performance dimostrate davanti al giudice nella causa contro i tabloid britannici, dove Meghan Markle avrebbe omesso alcuni dettagli cruciali circa il suo rapporto con i media, la duchessa di Sussex è ancora considerata una testimone affidabile.


Ultimo aggiornamento: Giovedì 23 Dicembre 2021, 18:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA