Meghan Markle: «Ho avuto un aborto. Un forte crampo, poi mi sono accasciata sul pavimento»

Meghan Markle: «Ho avuto un aborto spontaneo. Un forte crampo, poi mi sono accasciata sul pavimento»

Meghan Markle: «Ho avuto un aborto spontaneo. Un forte crampo, poi mi sono accasciata sul pavimento». Meghan Markle ha rivelato, in un articolo scritto per il New York Times, di aver subito un aborto spontaneo nel luglio di quest'anno, perdendo così il secondo figlio dopo la nascita del primogenito Archie. 

 

L'ex attrice americana moglie del principe Harry e duchessa di Sussex da diversi mesi vive con il marito e Archie a Los Angeles, dopo la decisione clamorosa dei Sussex di rinunciare allo status di membri senior della famiglia reale britannica in favore di una maggiore autonomia ha raccontato dell'aborto in un articolo scritto per il New York Times e dedicato al senso della perdita nella vita umana.

 

 

 

L'aborto spontaneo, secondo il racconto di Meghan, è avvenuto nel luglio di quest'anno. La duchessa ne scrive fra le righe nell'articolo, fotografando il momento esatto in cui spiega di aver capito ciò che stava accadendo: «Ho saputo in un momento in cui stringevo fra le braccia il mio primo bambino che stavo perdendo il secondo», ricorda. Poi alcuni dettagli: «Dopo aver cambiato il pannolino» ad Archie - scrive - «ho avvertito un forte crampo e mi sono accasciata sul pavimento con lui fra le braccia, mormorando una ninna nanna per tenerci calmi entrambi. Ma il tono allegro contrastava con la mia sensazione che qualcosa non stesse andando per il verso giusto». «Alcune ore più tardi - prosegue la narrazione sul New York Times - ero stesa in ospedale, tenendo la mano di mio marito. Sentivo il calore del suo palmo e gli ho baciato le nocche. Avevamo entrambi il volto bagnato dalle lacrime. E guardando i freddi muri bianchi» della stanza «ho cercato d'immaginare come avremmo mai potuto rimarginare» il senso di quella perdita.

 

La rivelazione sull'aborto spontaneo segue non poche indiscrezioni circolate negli ultimi mesi sulla possibile seconda gravidanza della duchessa di Sussex. E spiega il rinvio della prossima fase di un processo intentato dalla stessa Meghan - con il sostegno di Harry - contro il tabloid britannico Daily Mail, accusato di aver pubblicato a suo tempo una lettera privata scritta da lei al padre Thomas Markle, in violazione (secondo la denuncia) sia della sua privacy familiare sia dei suoi diritti di copyright. Una causa tuttora aperta, e che non ha mancato di suscitare polemiche, il cui rinvio era stato chiesto proprio dagli avvocati della stessa duchessa e concesso dalla corte in base a ragioni che la giudice che presiede le udienze aveva ritenuto nei giorni scorsi di non voler rendere pubbliche d'autorità.


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 25 Novembre 2020, 16:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA