Mariupol, al via la russificazione dei bambini: così Putin vuole cancellare dalla vita degli alunni la storia dell'Ucraina

«Per tutta l'estate dovranno studiare lingua, letteratura e storia russe, e la matematica in russo»

Mariupol, al via la russificazione dei bambini: così Putin cancella dalla vita degli alunni la storia dell'Ucraina

Dai passaporti all'istruzione, Mosca tenta di «russificare» i territori ucraini appena sottratti alla sovranità di Kiev. E dopo l'accesso facilitato per ottenere la nazionalità russa, punta alla scuola, ai bambini. A denunciarlo su Telegram è, ancora una volta Petro Andriushchenko, il consigliere del sindaco di Mariupol, la città rasa al suolo e caduta in mano russa la scorsa settimana dopo tre mesi di strenua resistenza ucraina nei cunicoli dell'acciaieria Azovstal. Secondo il consigliere, le autorità occupanti hanno deciso di prolungare l'anno scolastico - brutalmente interrotto con l'invasione del 24 febbraio - fino al primo settembre per preparare gli alunni al curriculum russo in tempo per l'anno nuovo, con l'obiettivo di «de-ucrainizzare gli scolari».

 

 

Mariupol, russificazione dei bambini

«Per tutta l'estate dovranno studiare lingua, letteratura e storia russe, e la matematica in russo», ha spiegato Andriushchenko. «Gli occupanti hanno in programma di aprire nove scuole. Tuttavia - ha sottolineato - finora sono riusciti a trovare solo 53 insegnanti, sei per scuola: questo è un buon esempio dell'istruzione a Mariupol sotto l'occupazione russa». Si tratterebbe in sostanza dello stesso processo di «indottrinamento» destinato agli ucraini deportati in Russia, circa un milione e mezzo di cittadini secondo gli ultimi dati forniti da Kiev. Di questi almeno 230 mila sono bambini, ha denunciato il consigliere della rappresentanza ucraina all'Onu, Sergiy Dvornyk: «Il rapimento di almeno 230 mila bambini ucraini, deportati con la forza in Russia, è un crimine volto a distruggere la nazione ucraina privandola delle giovani generazioni, che è una moderna manifestazione di colonialismo», ha detto ieri al Palazzo di Vetro. Ancora secondo Andryushchenko, a Mariupol le autorità russe hanno installato anche 12 maxi schermi per le strade da cui trasmettere la loro «propaganda ostile».

 

 

La propaganda russa

«Il potere occupante ha iniziato attivamente a 'migliorare la vita' dei residenti di Mariupol, non tanto nella realtà quanto nella percezione - ha spiegato -. Ieri gli occupanti hanno lanciato tre programmi di propaganda mobile e installato 12 televisori da 75 pollici in tutti i luoghi di raduno di massa e nei luoghi di accesso all'acqua, dove le sciocchezze della propaganda sul miglioramento della vita circolano costantemente». Nei territori occupati, infine, «le truppe russe stanno distruggendo non solo gli edifici che ospitano le biblioteche, ma anche i libri ucraini, compresi i volumi di storia e letteratura ucraine», ha scritto su Telegram la commissaria per i diritti umani del parlamento di Kiev, Lyudmila Denisova. «Queste azioni violano la Convenzione dell'Aja per la protezione dei beni culturali nei conflitti armati. E secondo lo Statuto di Roma della Corte penale internazionale - ha avvertito -, è un altro crimine di guerra» che dovrà essere perseguito.

 

 


Ultimo aggiornamento: Giovedì 26 Maggio 2022, 22:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA