Marito strangola la moglie e si suicida: «Non sopportava la presenza della suocera in casa»
di Alessia Strinati

Marito strangola la moglie e si suicida: «Non sopportava la presenza della suocera in casa»

Uccide la moglie e poi si toglie la vita perché non sopportava la presenza della suocera in casa. Il 31enne Kirils Nemcevs ha strangolato la moglie Lana Nemceva, di 33 anni, nella loro casa di Burton, in Inghilterra, all'apice di una brutta lite mentre il figlio di 2 anni dormiva nella sua cameretta.

Leggi anche > Arsa viva con l'alcol dal marito, Veronica muore a 31 anni tra le braccia della madre: «Vuole togliermi i bambini»



La coppia si era da poco trasferita nel Regno Unito dalla Lettonia e da qualche tempo era andata a stare con loro anche la suocera. La sua però pare fosse una presenza ingombrante e comunque non desiderata dal marito che spesso litigava con la moglie per questo motivo fino a quando la discussione non è degenerata e l'ha uccisa. La mamma di Lana, Liubov Zatsepina, era arrivata in Gran Bretagna ed era andata a vivere con loro dopo la richiesta della figlia di avere un aiuto con il bambino, ancora molto piccolo. 

La coppia era arrivata a parlare di divorzio, a causa delle tensioni, lui pare si fosse depresso, come riporta la stampa locale. La sera della tragedia i due hanno avuto una brutta discussione nel corso della quale la donna ha colpito con un coltello il marito ferendolo, a quel punto lui ha preso una corda e ha strangolato la consorte per poi togliersi la vita impiccandosi. 
Ultimo aggiornamento: Giovedì 2 Luglio 2020, 19:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA