Il marito sorride durante la lite, lei lo soffoca con un cuscino poi tenta il suicidio

La donna di 73 anni avrebbe sopportato per anni le prepotenze del marito, all'ennesima provocazione ha avuto un incontrollabile scatto d'ira e ha ucciso l'81enne

Il marito sorride durante la lite, lei lo soffoca con un cuscino poi tenta il suicidio

Soffoca il marito di 81 anni con un cuscino per averle sorriso durante una lite. Janet Dunn, 73 anni, ha avuto un brutto scatto d'ira quando il marito Anthony le ha sorriso mentre affrontavano un'accesa discussione in fatto di soldi. La donna si è avventata su di lui mentre erano nella camera dal letto della loro casa a Ponteland, nel Northumberland, e lo ha soffocato con un cuscino.

Leggi anche > Scopre che la sorella è vittima di maltrattamenti da anni, 31enne uccide cognato, padre e suocero e poi si suicida: «Non tollero più violenze»

La fuga della 73enne

La donna è poi scappata di casa e ha tentato di suicidarsi ma non è riuscita nell'intento.

Pare che la coppia fosse in difficoltà economiche e quando la donna ha fatto presente al marito che avrebbero dovuto chiedere un altro prestito alla loro figlia l'uomo avrebbe sorriso, facendo arrabbiare la consorte.

La 73enne ha spiegato di aver interpretato quel sorriso come un atteggiamento indifferente e insensibile: per anni la donna avrebbe accettato ogni prevaricazione del marito, fino a quando è esplosa.

Depressione

L'anziana, secondo la perizia degli psichiatri, sarebbe stata fortemente depressa e lo stato ansioso in cui si trovava avrebbe alterato la sua capacità di giudizio.

Subito dopo l'omicidio, infatti, si è recata presso un lago vicino alla sua abitazione e ha tentato di uccidersi.

Qualche ora dopo però un passante ha notato il corpo privo di sensi e ha chiamato i soccorsi salvandole la vita.

Leggi anche > Ashley, uccisa sotto casa per uno scambio di persona: suo fratello era morto nello stesso modo

Anziano irascibile

Secondo alcune persone vicine alla coppia pare che il marito fosse una persona molto irascibile che voleva avere il controllo su tutto, per gli esperti psichiatri la loro relazione era di "controllo coercitivo". Nonostante tutto la donna sarebbe ora molto addolorata per averlo ucciso.

Dopo l'arresto la 73enne è stata condannata a una pena detentiva di 5 anni e 3 mesi.


Ultimo aggiornamento: Sabato 27 Agosto 2022, 19:22
© RIPRODUZIONE RISERVATA