L'incubo di ogni mamma: lasciata sola dai medici durante il travaglio, la figlioletta muore

Amy Harrison ha denunciato l'accaduto e lo stesso ospedale ha riconosciuto che se ci fosse stata una maggiore attenzione la tragedia non si sarebbe consumata

L'incubo di ogni mamma: lasciata sola dai medici durante il travaglio, la figlioletta muore

Perde la sua bambina dopo essere stata lasciata sola dai medici durante il travaglio. Amy Harrison afferma che la perdita della sua bambina Harper ha avuto un "impatto assolutamente catastrofico sulla sua vita". La donna avrebbe dovuto partorire naturalmente ma qualcosa è andato storto e la piccola non è riuscita a sopravvivere. 

Leggi anche > Jessica morì a 12 anni in gita, scagionati gli insegnanti: «Nessuna colpa». L'ira della famiglia

La donna era stata ricoverata al Royal Oldham Hospital, nella Greater Manchester dove le è stato indotto il parto. Dopo qualche ora ha iniziato ad avere le prime contrazioni che sono andate avanti per tutta la notte e il giorno seguente. Nel corso del travaglio la donna però era quasi sempre sola, non sentendo muovere la bambina ha chiesto se poteva essere visitata, ma le è stata negata la visita avvenuta 2 ore prima.

In piena pandemia di Covid Amy era sola e ha continuato a stare male, fino a quando non è cambiato il turno. Quando all'ostetrica ha spiegato cosa stava accadendo, vedendo lo sguardo della donna ha capito che qualcosa non andava. Alla fine hanno chiamato un ecografista che ha dato la devastante notizia che la figlia di Amy, Harper, era morta. A quel punto è stata sottoposta a un cesareo e ha potuto abbracciare la sua bambina, purtroppo priva di vita.

 

Amy ha denunciato l'accaduto e lo stesso ospedale ha riconosciuto che se ci fosse stata una maggiore attenzione la tragedia non si sarebbe consumata. La donna sarebbe dovuta andare in sala parto dopo qualche ora dall'induzione e doveva essere costantemente monitorata. Amy ha voluto raccontare l'accaduto perché non si ripetano più simili tragedie, ha invitato le donne a non tacere e ad ascoltare prima di tutto il loro corpo. Se si fosse intervenuti subito, probabilmente la sua bambina oggi starebbe con lei.


Ultimo aggiornamento: Venerdì 7 Ottobre 2022, 15:44
© RIPRODUZIONE RISERVATA