Malore durante la serata con il fidanzato, 19enne non può più camminare e parlare

Molly Lloyd è stata colpita da una brutta emorragia cerebrale mentre si trovava in macchina con il suo fidanzato. La 19enne di Cardiff ha scoperto di avere una malformazione artero-venosa cerebrale

Malore durante la serata con il fidanzato, 19enne non può più camminare e parlare

Il malore durante una serata con il fidanzato e ora non può più parlare e camminare. Molly Lloyd è stata colpita da una emorragia cerebrale mentre si trovava in macchina con il suo fidanzato. La 19enne di Cardiff ha scoperto di avere una malformazione artero-venosa cerebrale. Dopo l'episodio sono stati necessari tre interventi ma, data la sua patologia, il problema potrebbe verificarsi nuovamente.

Leggi anche > Tumore all'intestino scoperto a 32 anni grazie a Google: il suo medico si era rifiutato di fare gli esami

Leggi anche > Dorme 14 ore al giorno, il medico le dice che è «solo pigra». Poi la scoperta choc: aveva un tumore

Emorragia cerebrale

La giovane donna ha subito dei danni dall'emorragia, che non sembrerebbero essere permanenti, ma il percorso per la guarigione è molto lungo e complicato. Molly non riesce a parlare, a camminare e nemmeno a mangiare da sola. Nel 2021, in piena pandemia, è stata operata per limitare ulteriormente i danni dell'emorragia, l'intervento è riuscito, ma la 19enne ha dovuto affrontare tutto sola, viste le restrizioni per il Covid.

Attacco epilettico

La ragazza ha avuto un brutto attacco epilettico mentre guidava l'auto. A lanciare l'allarme è stato il fidanzato che era con lei che ha subito allertato il padre. L'uomo ha avvertito i soccorsi e si è precipitato da Molly che è stata trasportata con urgenza in ospedale. L'intervento immediato dei medici ha permesso di limitare i danni, ma  dopo pochi giorni ha avuto un'altra emorragia, fino a quando i medici non si sono accorti della malformazione di cui soffre. 

 

Lenti progressi

Dopo tre mesi a Birmingham, Molly è stata trasferita all'ospedale universitario di Llandough, dove continua a fare lenti progressi. Il rischio di nuove emorragie è alto e in più per la 19enne è necessaria molta terapia per recuperare.

Raccolta fondi

Il padre, per questo, ha avviato una raccolta fondi online, allo scopo di poterle fornire le migliori cure riabilitative che inizierà appena potrà lasciare l'ospedale. 


Ultimo aggiornamento: Martedì 13 Settembre 2022, 14:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA