Londra, identificata la prima vittima. Jack era un neo-laureato di Cambridge. L'Isis rivendica l'attacco: «Colpire alleati Usa»

Londra, attentato al London Bridge: identificata la prima vittima. Jack era un neo-laureato di Cambridge. L'Isis rivendica l'attacco: «Colpire alleati Usa»

È stata identificata la prima delle due vittime dell'attacco di London Bridge. Si chiamava Jack Merritt ed era un giovane 25enne laureato dell'università di Cambridge. Secondo le prime ricostruzioni è stato ucciso dal killer, Usman Khan, nella sala all'imbocco del ponte in cui il raid è cominciato, durante una conferenza sulla riabilitazione dei detenuti organizzata a Londra dallo stesso ateneo di Cambridge. Il padre lo ha ricordato come «un bello spirito».

Leggi anche > Londra, attentato al London Bridge: l'eroe che ha salvato una donna è un assassino che uccise una disabile​



Merritt, come ha ricordato via Twitter David Merritt, il padre di Jack, il figlio era coordinatore di uno dei corsi di quel progetto di recupero dei carcerati - condotto attraverso l'istruzione e denominato Learning Together - per discutere del quale si erano radunati ieri nella Fishmongers Hall vari docenti, studenti, educatori ed ex detenuti tra cui lo stesso Khan. Non è invece stato reso ancora pubblico il nome della seconda vittima, una donna. Mentre restano in ospedale tre persone ferite dall'accoltellatore, due donne e un uomo, almeno una delle quali in condizioni gravi.
 
Nel tardo pomeriggio di sabato è arrivata la rivendicazione dell'Isis. Lo Stato Islamico (Isis) ha rivendicato tramite la sua agenzia di propaganda Amaq” l'attacco avvenuto venerdì sul London Bridge, affermando che è stato condotto da uno dei suoi combattenti. Nella rivendicazione, Amaq ha affermato che l'assalitore ha accoltellato i passati sul London Bridge in risposta all'appello dell'Isis di colpire i cittadini dei Paesi che fanno parte della coalizione internazionale a guida Usa.

Johnson: sistema rilascio anticipato non funziona. Il primo ministro britannico critica il sistema di rilascio automatico in virtù del quale l'attentatore di London Bridge, Usman Khan, si trovava in libertà vigilata. «Questa persona era fuori dopo aver scontato metà della sua condanna - ha detto Boris Johnson citato dai media dopo aver visitato il luogo dell'attentato - era uscito per un rilascio anticipato automatico: ho già detto più volte che questo sistema non funziona. Non ha senso per la nostra società prevedere il rilascio anticipato di persone condannate per terrorismo o gravi violenze».
Sabato 30 Novembre 2019, 17:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA