Lockdown e i piccoli imprenditori: quasi 7.000 imprese avviate nel 2020 da adolescenti

Il lockdown e i piccoli imprenditori: quasi 7.000 imprese avviate nel 2020 da adolescenti

Il numero di attività avviate da giovani è aumentata di quasi un quinto durante la pandemia

I giorni in cui i giovani guadagnavano qualche soldo falciando il prato del vicino stanno rapidamente diventando un ricordo del passato, grazie a una nuova ondata di giovani imprenditori nati sotto il lockdown.

 

Leggi anche > Spara al rivale d'amore: 19enne arrestato per tentato omicidio

 

 

 

Il numero di attività avviate da adolescenti in Inghilterra, spiega il "The Telegraph" è aumentata di quasi un quinto durante la pandemia. Più di 10.200 ragazzi di età compresa tra i 16 e i 19, secondo i dati ottenuti dalla società di servizi finanziari OneFamily, hanno registrato un'attività presso Companies House da gennaio 2020. L'anno scorso sono state costituite 6.796 aziende da questa fascia di età, rispetto alle 5.729 del 2019, con un aumento di quasi il 19%. Secondo i dati, il numero di aziende con adolescenti come dirigenti aziendali era del 44% in più rispetto a un decennio fa. C'è stata una tendenza crescente dei giovani a lanciarsi nel mondo degli affari prima di lasciare la scuola, con i vincoli del blocco che stimolano ancora più creatività.

 

Quando Alex Jones ha fondato la sua azienda Sigma Strength in isolamento l'anno scorso, aveva 17 anni ed era ancora una studente: «Volevo imparare una nuova abilità e ho notato un enorme vuoto nel mercato dell'abbigliamento da palestra a prezzi accessibili che non sacrificava la qualità. Mi stavo davvero appassionando alla palestra durante la pandemia, ma ho notato che i grandi marchi di palestre non stavano abbassando i loro prezzi, nonostante le difficoltà economiche di quel periodo. Sono solo io a gestire l'attività, quindi ho spese generali basse e trasferisco questo risparmio ai clienti».

 

L'imprenditore adolescente ha utilizzato 1.000 sterline per lanciare il marchio e da allora ha venduto a più di 1.000 clienti in 26 paesi e ha ottenuto un impressionante numero di 47.000 follower sul sito di social media TikTok. Ha fatturato circa £ 55.000 dalla fondazione della società, ma ha gli occhi puntati su un obiettivo a sei cifre per il prossimo anno. Il signor Jones ora ha 19 anni e studia economia e marketing all'università. «Mi sono buttato nel profondo quando ho lanciato per la prima volta Sigma Strength e ora sono desideroso di applicare un po' più di teoria al business».

 

I settori più popolari per i giovani imprenditori sono le start-up tecnologiche, il design e le iniziative creative, il cibo e le bevande, il fitness e la bellezza.

 

Henry Nicholson, della Rebel Business School, un'azienda di sviluppo aziendale, ha affermato che avviare una società è stato "un gioco da ragazzi" per molti giovani, in particolare perché il blocco ha dato loro più tempo libero per sperimentare: «Nel peggiore dei casi – ha raccontato - trascorri del tempo e delle energie per creare qualcosa che non funziona, ma hai imparato qualcosa di nuovo. Nel migliore dei casi avvii un'attività che diventa un reddito sostenibile. Forse invece di prendere un lavoro ne crei uno».

 

Archie Major ha 14 anni ma ha già tracciato il suo piano di carriera. Spera che la sua attività, Castaway Cottage, che produce prodotti per il bagno e fragranze per la casa a basso impatto ambientale, sarà abbastanza grande da funzionare a tempo pieno una volta che avrà lasciato la scuola.

 

Quello che era iniziato come il signor Major che faceva regali per i suoi nonni si è presto trasformato in un'attività locale, una volta che i genitori della sua scuola elementare hanno iniziato a comprare i suoi prodotti: «Ma – ha spiegato - è stato durante il lockdown che l'attività è davvero decollata e ho potenziato il mio servizio online. Il mio obiettivo principale è lo zero rifiuti e gli imballaggi riciclabili perché penso che sia così importante per i giovani prendersi cura del nostro pianeta per noi stessi e le generazioni future».

 

L'uomo d'affari dona una percentuale dei prodotti dell'azienda all'ente benefico ADD-vance, che sostiene le famiglie con autismo nell'Hertfordshire.

 

I giovani che avviano un'impresa sono "istantaneamente più occupabili", ha affermato Nicholson, perché l'imprenditorialità dimostra qualità desiderabili per i datori di lavoro: »Avere del tempo fuori dall'ambiente scolastico e universitario ha permesso ai giovani di mostrare i loro muscoli creativi e avviare progetti con il loro tempo ed energia extra, utilizzando risorse come telefoni e tablet».

 

 


Ultimo aggiornamento: Mercoledì 13 Ottobre 2021, 13:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA