La Serbia invita gli stranieri per vaccinarsi, la testimonianza: «Si può anche scegliere il vaccino»

La Serbia invita gli stranieri per vaccinarsi, la testimonianza: «Si può anche scegliere il vaccino»

La Serbia accoglie gli stranieri che vogliono vaccinarsi contro il Covid dando loro la possibilità di scegliere il vaccino. Nei Balcani, infatti, si sta sviluppando una sorta di turismo dell'immunizzazione e il sito dell’ambasciata italiana riporta tutte le informazioni necessarie. «Ho scelto Pfizer e in 48 ore ho avuto l’appuntamento», è la testimonianza del conte Simone Avogadro di Vigliano riportata dal Corriere.  

 

Leggi anche > Covid, l'appello di Anita e delle famiglie con la Sma: «Ancora senza vaccino, attenzione alla disabilità»

 

Sin da gennaio la Serbia è stata in grado di avviare con successo un preciso piano di vaccinazione di massa, grazie a contratti bilaterali conclusi con le case farmaceutiche. Nel Paese, che ha 7 milioni di abitanti, sono state somministrate finora complessivamente oltre 2,5 milioni di vaccinazioni, delle quali oltre un milione sono seconde dosi. Sono disponibili quattro tipi di vaccino - il cinese della Sinopharm, il russo Sputnik V, AstraZeneca e Pfizer-BioNTech. I più diffusi sono di gran lunga i vaccini cinese e russo. Dall'11 gennaio anche i cittadini dall’estero, con o senza permesso di soggiorno, possono compilare l’application sul portale in serbo e possono scegliere il vaccino che preferiscono. 

 

«Lavoro e vivo in giro per il mondo con l’azienda di famiglia e ho anche un ufficio in Serbia. Abito tra Milano e Singapore, dove tra l’altro mi avevano proposto la vaccinazione. Ma causa Covid non riesco a rientrare in Asia da Natale», racconta l'imprenditore 57enne Avogadro di Vigliano. «Dopo aver vaccinato rapidamente anziani e fragili, hanno incoraggiato le somministrazioni agli imprenditori e in generale alle categorie produttive per favorire la ripresa dell’economia... Dal portale si può scegliere il vaccino, io ho scelto Pfizer e in 48 ore ho avuto l’appuntamento in un ospedale di Belgrado. Per la prima dose, a inizio marzo, sono rimasto qualche giorno per motivi di lavoro. Ho unito l’utile al dilettevole. Per la seconda, sono andato e tornato dopo qualche ora».


Ultimo aggiornamento: Domenica 4 Aprile 2021, 15:36
© RIPRODUZIONE RISERVATA