«La Polizia vuole l'accesso ai dati degli smartphone delle vittime di stupro»

«La Polizia vuole l'accesso ai dati degli smartphone delle vittime di stupro»
La Polizia britannica e la Procura della Corona hanno varato una direttiva che mira a spingere le vittime di violenza sessuale e di altri reati a consentire agli investigatori l'accesso ai dati dei loro smartphone: quasi un obbligo, dato che se si dice di no si rischia l'archiviazione delle indagini. Una direttiva che sta causando furiose polemiche nel Regno Unito, svelata per primo dal Times, e che è già valida in Galles e in Inghilterra, con tanto di conferma da parte delle forze dell'ordine che ne hanno difeso le ragioni.

Violentano una donna di 36 anni. Arrestato consigliere comunale di Casapound

Gli avvocati e le organizzazioni per la difesa dei diritti umani e la tutela delle donne, al contrario, hanno accolto la direttiva con forte perplessità: si tratta di un modo di agire che rischia di avere «un effetto deterrente» su chi ha intenzione di denunciare uno stupro, oltre che di «un'intrusione ingiustificata nella privacy», ha commentato Harriet Wistrich, responsabile di un'ong femminista, il Centro per la giustizia per le donne. Due giovani vittime hanno già annunciato ricorso: la pretesa dei poliziotti di scaricare dati, foto ed e-mail contenute nel mio telefonino, risalendo fino a 7 anni fa, «mi ha fatto sentire violentata di nuovo», ha protestato una di loro.

Chiricozzi scriveva su Fb: «La prossima Pamela potrebbe essere tua figlia»

I vertici della polizia e degli organi inquirenti in Inghilterra hanno invece giustificato questa sollecitazione come una necessità di fronte agli obblighi stringenti previsti nel Regno nell'ambito della raccolta delle prove. Assicurando peraltro una riservatezza assoluta sull'uso dei dati richiesti. La nuova indicazione viene spiegata come una risposta al calo nel 2018 del numero dei rinvii a giudizio ad appena il 23% delle denunce per stupro presentate sull'isola, minimo storico da un decennio. E da episodi come quello che ha riguardato nel 2017 Liam Allan: uno studente scagionato dall'accusa d'aver violentato una ragazza grazie al contenuto di alcuni sms scambiati con la presunta vittima che, secondo le autorità britanniche, ne hanno provato alla fine l'innocenza. 

Ultimo aggiornamento: Lunedì 29 Aprile 2019, 16:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA