La piccola Maria muore annegata in piscina: la mamma legata e imbavagliata da due rapinatori

La piccola Maria muore annegata in piscina: la mamma legata e imbavagliata da due rapinatori

Le urla della donna hanno allertato l'altra figlia di 12 anni che giocava dai vicini. Al suo arrivo la neonata però era già morta

E’ morta annegata in una piscina gonfiabile la neonata strappata dalle braccia della mamma durante una rapina in Ecuador. Secondo quanto riporta il Sun, Angelica Murillo stava facendo il bagno a sua figlia Maria di nove mesi in una piscina gonfiabile nel patio di casa quando sono arrivati i rapinatori. Due uomini che con una scusa sono riusciti a farsi aprire la porta di casa. Un attimo e la bambina strappata dalle braccia della madre è stata gettata nella mini piscina. Senza protestare la donna ha consegnato loro tutti i soldi che aveva in casa, circa 900 euro. Non abbastanza per i due che dopo aver legato Angelica hanno iniziato a rovistare in tutta casa.

 

Leggi anche > Juana Cecilia, uccisa dall'ex liberato dal giudice. Il tribunale: «Non poteva prevedere il futuro»

 

Disturbati da alcuni rumori sono poi scappati lasciando la mamma bloccata senza la possibilità di aiutare la piccola. Le urla della donna sono però state sentite dall’altra figlia di 12 anni che giocava a casa dei vicini. Al suo arrivo la ragazzina ha trovato la sorellina che galleggiava nella piscina. La madre ormai slegata ha tentato di rianimare il corpicino, ma ormai non c’era più niente da fare. La Polizia sta dando la caccia ai due sospettati ma la violenza è un problema enorme per il Paese. In Ecuador ci sono in media 66 rapine al giorno e quelle in casa sono aumentate del 14% dallo scorso settembre.


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Novembre 2021, 19:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA