La Nuova Zelanda licenzia il suo mago ufficiale: era in servizio da 23 anni

La Nuova Zelanda licenzia il suo mago ufficiale: era in servizio da 23 anni

Dopo 23 anni di onorata carriera al servizio della Nuova Zelanda con le sue magie e i suoi spettacoli di intrattenimento, arriva la lettera di licenziamento

Dopo 23 anni di onorata carriera, il mago ufficiale della Nuova Zelanda, unico mago al mondo nominato dallo Stato, è stato licenziato. Ian Brackenbury Channell, 88 anni, origini inglesi, era stato nominato dal Consiglio comunale di Christchurch per promuovere la città attraverso «atti di magia e altri servizi simili a quelli dei maghi» dopo che era diventato noto in città grazie ad atti di magia e intrattenimento nei luoghi pubblici, poco dopo il suo arrivo in Nuova Zelanda nel 1976.

 

Leggi anche > Germania, 15enne crea il panico con un fucile in mano: ma era della Lego

 

Secondo quanto riportato dal The Guardian, quando il consiglio ha cercato di fermarlo si è scatenata la protesta popolare e dopo che, nel 1982, la New Zealand Art Gallery Directors Association ha iniziato a definirlo un'opera d'arte vivente l'allora premier Mike Moore gli chiese di prendere in considerazione l'idea di diventare il mago della Nuova Zelanda con un compenso di 16mila dollari l'anno.

 

Da allora si è esibito a Brackenbury, ha ballato sotto la pioggia in Nuova Zelanda e Australia durante i periodi di siccità, è stato insignito di riconoscimenti, ma anche criticato per alcune infelici battute sulle donne. «Amo le donne, le perdono sempre, non ne ho ancora mai picchiata una. La prima cosa è non picchiare mai una donna perché le vengono i lividi troppo facilmente e lo dirà a vicini e amici... e poi sei nei guai», ha detto nell'aprile scorso in uno spettacolo televisivo. Ora il consiglio gli ha comunicato la fine del contratto con una lettera in cui lo ringrazia per i suoi servigi. Il mago sarà «per sempre parte della storia di Christchurch», ha tenuto a precisare il portavoce Lynn McClelland.


Ultimo aggiornamento: Sabato 16 Ottobre 2021, 21:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA