La figlia neonata non smette di piangere, lui la uccide a pugni: papà mostro assassinato in carcere

La figlia neonata non smette di piangere, lui la uccide a pugni: papà mostro assassinato in carcere

  • 719
    share
Uccide la figlia neonata perché non smette di piangere, finisce in carcere e viene assassinato. Liam Deane, 22 anni di Wakefield, West Yorks, è stato trovato morto nella sua cella dopo essere stato ucciso da un altro detenuto per il terribile crimine commesso ai danni della figlia.



Il giovane era in carcere da luglio, dopo essere stato condannato per aver ammazzato la figlia di soli 2 giorni di vita. In tribunale aveva ammesso le sue colpe, dicendo di essere stato colto da un raptus non riuscendo a calmare il pianto della bimba. La mamma della piccola era andata a letto e il padre si stava occupando di lei quando ha iniziato a colpirla con forti pugni alla testa causandole gravissime lesioni. Subito dopo ha rimesso la bimba nella culla e il giorno dopo ha detto alla compagna che la neonata era caduta. La madre l'ha portata subito in ospedale, ma purtroppo non c'è stato nulla da fare.

Come riporta l'Indipendent, l'uomo era stato condannato a diversi anni di carcere, ma è stato proprio in cella che ha trovato la morte. Probabilmente un altro detenuto ha decido di punirlo per quanto commesso. Ora la polizia sta indagando su un 28enne. 
Mercoledì 15 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 20:38
© RIPRODUZIONE RISERVATA
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE..
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-11-16 12:27:29
Hanno fatto più che bene, era quello che si meritava. Non era un umano, ma un mostro, perchè un umano non farebbe mai del male ad una povera anima innocente, anzi la protegge e se ne prende cura. Spero pagherà le pene del padreterno anche ora che è morto all'inferno.
2017-11-15 21:30:21
Che si aspettava che gli offrivano una tazza di the?
DALLA HOME