L'infermiera di Stephen Hawking è stata radiata: «Non ha fornito le cure professionali che il professore meritava»
di Simone Pierini

L'infermiera di Stephen Hawking è stata radiata: «Non ha fornito le cure professionali che il professore meritava»

Stephen Hawking è morto il 14 marzo 2018. A un anno esatto dalla scomparsa l'infermiera che si è occupata di lui fino al 2016 è stata radiata dall'albo per gravi carenze nella cura del genio della fisica. La decisione, riportano i media britannici, è stata presa dal Consiglio degli infermieri perchè «Patricia Dowdy non ha fornito le cure professionali che il professor Hawking meritava e che noi ci aspettavamo»



Dowdy, 61 anni, si è occupata del grande scienziato dal 1999 al 2004 e poi dal 2013 al 2016, quando è stata sospesa dal Consiglio. Tra le accuse mosse all'infermiera, oltre alla mancanza di cure adeguate, anche quella di aver avuto comportamenti scorretti dal punto di vista finanziario. Un portavoce della famiglia Hawking ha fatto sapere di «avere totale fiducia nel Consiglio degli infermieri e di essere convinti che la loro indagine è arrivata a conclusioni indipendenti basate sui fatti».

Hawking soffriva di Sla, sclerosi laterale amiotrofica. Il fatto che sia sopravvissuto fino all'età di 76 anni ha rappresentato quasi un miracolo, con la malattia che solitamente progredisce molto più velocemente di quanto sia avvenuto con il genio della fisica mondiale.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA