Kobe Bryant morto, l'ultima disperata virata del pilota per evitare la collina: «Siete troppo bassi»

di Ernesto De Franceschi
Kobe Bryant, la dinamica del tragico schianto in elicottero in cui ha trovato la morte a Los Angeles. Le comunicazioni finali del pilota dell'elicottero schiantatosi causando la morte della star Nba Kobe Bryant e di altre otto persone indicano che stava salendo di quota per evitare lo strato di nubi. Lo riferiscono gli investigatori, aggiungendo che lo schianto ha lasciato una scena devastante. Il pilota ha tentato una ultima disperata virata per evitare la montagna, ma non ce l'ha fatta a far risalire l'elicottero.

Kobe Bryant morto, lui e la moglie avevano un patto: «Mai salire su un elicottero insieme»
 
 

Il pilota aveva chiesto una autorizzazione speciale a volare nella fitta nebbia pochi minuti prima dello schianto ed era ad un'altezza di 427 metri. Poi aveva richiesto ai controllori di volo di fornire un collaboratore che seguisse il volo ma gli era stato detto che l'elicottero volava troppo basso. Circa quattro minuti dopo, il pilota ha informato che stava salendo per evitare uno strato di nubi. Quando gli è stato chiesto cosa intendeva fare, non c'è stata risposta. Il data del radar indicano che l'elicottero era salito a 701 metri e poi ha cominciato a precipitare verso sinistra.


 


LA DINAMICA DELLO SCHIANTO

Poco prima di schiantarsi contro una collina di Calabasas, il pilota dell'elicottero di Kobe Bryant è salito rapidamente per evitare uno strato di nuvole. Lo afferma il National Transportation Safety Board statunitense. Jennifer Homendy, un membro dell'NTSB, ha detto che il pilota che volava dalla Contea di Orange alla Contea di Ventura aveva richiesto regole speciali di volo visivo, che consentono ai piloti di volare sotto i 1000 piedi.

 
 

Un fitto strato nebbioso proveniente dal mare si era insediato sulla regione di Los Angeles domenica mattina e alcune aree erano completamente avvolte dalla nebbia.
 

I detriti dell'incidente sono stati sparpagliati su 600 piedi, ha detto. "È stata una scena di incidente devastante", ha spiegato uno dei primi soccorritori. “C'è una zona di impatto su una delle colline e un pezzo di coda è giù per la collina sul lato sinistro. La fusoliera si trova dall'altra parte di quella collina. Quindi il rotore principale si trova a circa cento metri oltre. Il campo di detriti è di circa 500 a 600 piedi ", affermano altri soccorritori.

Il pilota - come si apprende da una sua conversazione audio con i controllori di volo - aveva avuto il permesso di volare in base alle 'Special Visual Flight Rules' (Vfr), ossia le regole del volo a vista. Le Vfr sono regole speciali con cui viene data l'autorizzazione ai piloti di volare in condizioni meteorologiche peggiori di quelle consentite dalle norme standard. Secondo la Cnn, la torre di controllo dell'aeroporto di Burbank ha permesso all'elicottero di procedere verso nord-est seguendo l'autostrada I-5. Gli investigatori, comunque, intendono valutare anche la documentazione sulla manutenzione dell'elicottero, un Sikorsky S-76B del 1991, quanti passeggeri poteva portare, e l'esperienza del pilota.

Ultimo aggiornamento: Martedì 28 Gennaio 2020, 19:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA