Kobe Bryant, la verità sconvolgente: l'elicottero non era dotato del sistema di rilevamento del terreno

di Ernesto De Franceschi
Kobe Bryant, la verità sconvolgente. L'elicottero che si è schiantato domenica a Calabasas, uccidendo nove persone tra cui Kobe Bryant, non era dotato di un sistema di allarme del terreno che avrebbe potuto avvisare il pilota che si stava avvicinando a una collina. La sconvolgente rivelazione costata la vita al campione Nba e agli altri passeggeri dell'elicottero arriva dai funzionari del National Transportation Safety Board.

Leggi anche > Morte Kobe Bryant, la moglie Vanessa rompe il silenzio: «Siamo completamente devastati. Pregate per noi»
Kobe Bryant, come sta la moglie dopo la tragedia 

Gli investigatori stanno cercando di capire perché l'elicottero si è schiantato contro una collina di Los Angeles in condizioni di nebbia. L'investigatore dell'NTSB Jennifer Homendy ha dichiarato nella conferenza stampa di martedì che l'elicottero era a 2300 piedi quando ha perso la comunicazione con i controllori del traffico aereo. L'elicottero stava risalendo in quegli istanti a più di 2.000 piedi al minuto al momento dell'impatto. "Quindi sappiamo che questo è stato un incidente con un
 impatto ad alta velocità", ha detto Homendy.




L'elicottero si è schiantato sulla collina ad un'altitudine di 1.085 piedi. 
"In realtà ci sono altre colline più alte che lo circondano", ha detto Bill English, un investigatore capo. Homendy ha affermato che la sua agenzia aveva raccomandato che la Federal Aviation Administration 16 anni fa richiedesse che tutti gli elicotteri che trasportavano sei o più passeggeri fossero dotati di un sistema di consapevolezza e avvertimento del terreno, aggiungendo che la FAA "non ha fatto niente" sulla proposta. Poiché la FAA non ha seguito la raccomandazione, l'elicottero che si è schiantato domenica non era legalmente tenuto ad avere il sistema. Poco dopo la sua conferenza stampa di martedì, un portavoce della FAA ha contestato tale valutazione, rilevando che la FAA richiede il sistema di allarme del terreno per le operazioni di ambulanza aerea in elicottero. Non è chiaro cosa sapesse il pilota del terreno che lo circonda o se fosse disorientato. Bryant usava regolarmente l'elicottero, di proprietà del servizio charter Island Express.

 
 

Le autorità che indagano sull'incidente di domenica hanno affermato che l'impatto dell'incidente è stato fortissimo, mandando in frantumi l'elicottero e gettando detriti su una vasta area. L' inchiesta sulla causa dell'incidente è ancora agli inizi, ma i funzionari hanno rivelato alcuni dettagli sugli ultimi momenti del volo, che stava portando Bryant e il suo gruppo dalla Contea di Orange al suo campo da basket a Thousand Oaks per il match della figlia.
 

Ad accompagnare i Bryants sul volo maledetto c'erano John Altobelli, 56 anni, allenatore di baseball di lunga data all'Orange Coast College; sua moglie, Keri, 46 anni; la loro figlia Alyssa, 13 anni; Christina Mauser, 38 anni, assistente allenatore di basket presso la Mamba Sports Academy; Sarah Chester, 45 anni; La figlia di Chester, Payton, 13 anni; e il pilota, 50 anni Ara Zobayan. Poco prima di schiantarsi contro una collina, il pilota è rapidamente salito per evitare uno strato di nuvole, secondo l'NTSB. Tutto maledettamente inutile.
Ultimo aggiornamento: Giovedì 30 Gennaio 2020, 09:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA