Kalani David, l'ex campione del mondo di surf muore annegato per un attacco epilettico: aveva 24 anni

Kalani David soffriva della sindrome di Wolff-Parkinson-White, una malattia cardiaca congenita che può causare paralisi e convulsioni

Kalani David, l'ex campione del mondo di surf muore annegato per un attacco epilettico: aveva 24 anni

«Non sei nessuno, finché qualcuno non ti uccide», cantava Notorious B.I.G.. Qualcuno o qualcosa, come nel caso di Kalani David, che aveva, ironia della sorte, usato questa canzone come sottofondo del suo ultimo post su Instagram. L'ex campionde del mondo giovanile di surf è morto a 24 anni colpito da un attacco epilettico mentre si trovava in mare a fare la cosa che amava di più: surfare.

Scontro tra auto e moto, 20enne rimane bloccato e muore tra le fiamme. Deceduto anche il centauro

Incidente in scooter, Giuseppe muore a 37 anni. Il dolore sui social: «Ti vogliamo bene»

Kalani David, la tragedia

È successo sabato scorso in Costa Rica, a Playa Hermosa, che affaccia sull'Oceano Pacifico. Kalani David soffriva della sindrome di Wolff-Parkinson-White, una malattia cardiaca congenita che può causare paralisi e convulsioni. Ed è stata proprio questa il motivo della sua morte, che ha scioccato gli amanti dello sport nel quale era riuscito a diventare campione del mondo giovanile nel 2012. «Stava facendo surf quando apparentemente ha subito una sorta di attacco epilettico ed è annegato», ha riferito l'Agenzia investigativa giudiziaria all'Associated Press. Le cause della sua morte sono ancora sotto indagine.

La malattia

Kalani David aveva rischiato di morire in altre occasioni in passato. Nell'agosto del 2016 ha avuto un attacco epilettico mentre faceva skateboard a Oceanside, in California. Lo stesso gli era successo pochi mesi più tardi e aveva dovuto affrontare due giorni di coma farmacologico e un intervento chirurgico. 


Ultimo aggiornamento: Lunedì 19 Settembre 2022, 17:26
© RIPRODUZIONE RISERVATA