Julen morto nel pozzo: la cronologia degli eventi dal 13 al 26 gennaio 2019

La vicenda di Julen, il bambino di due anni trovato morto il 26 gennaio 2019 in un pozzo artesiano vicino Malaga, ha tenuto col fiato sospeso tutto il mondo, nella speranza che quel piccolo potesse essere sopravvissuto a 13 giorni sottoterra. La notizia della morte di Julen è arrivata nella notte tra venerdì e sabato, dopo incessanti tentativi di soccorrerlo. Ricostruiamo le tappe della vicenda.

Bambino nel pozzo, tutte le operazioni per salvare Julen Rossello: cosa ha rallentato i soccorsi
Julen, morto il bambino nel pozzo: luci laser contro i giornalisti per non far scattare foto Video


Tutto ha avuto inizio domenica 13 gennaio, José Roselló e sua moglie, Victoria García, hanno trascorso la giornata in una fattoria di famiglia nella città di Totalán a Malaga. La stavano inaugurando e José ha cucinato una paella. Ad un certo punto, Julen, due anni, è caduto in un buco mentre correva. Suo padre si è precipitato a salvarlo senza successo: ha rimosso le pietre attorno al buco e ci ha infilato il braccio, ignorando che il pozzo avesse una profondità di oltre 100 metri. José ha riferito di aver sentito suo figlio piangere per qualche istante. 

Bimbo nel pozzo, Julen Rosello è morto, il piccolo non ce l'ha fatta. Il suo corpo trovato nella notte senza vita dai soccorritori

Domenica 13

13,57 . Una coppia che fa escursioni e visita il vicino Dolmen di Cerro de la Corona chiama il servizio di emergenza 112. "Un bambino è caduto in una piccola buca, di circa 40 centimetri di diametro. La madre piange e urla", si legge nella registrazione della telefonata effettutata da una donna. Contemporaneamente e durante la conversazione stessa, il 112 allerta i Vigili del Fuoco, i sanitari, la polizia nazionale e locale e la protezione civile che raggiungono Totalán.

14.30 . Il servizio di emergenza 112 e uno dei capi della compagnia idrica di Malaga, Emasa, chiamano la società Desperates Pepe Núñez per aiutare nel salvataggio. L'azienda mobilita rapidamente le sue truppe.

15.30 . Due tecnici della compagnia di demolizione arrivano a Totalán. Arrivano con una macchina fotografica robotica ad alta risoluzione e il loro equipaggiamento per l'illuminazione. La introducono cercando di vedere Julen. Tuttavia, uno strato di terra di circa 71 metri di profondità impedisce ulteriori discese. Non è noto se Julen sia sotto.

22.00 . La guardia civile riporta la notizia l'incidente per la prima volta. In questo momento il pozzo ha 110 metri di profondità e 25 di larghezza, il che rende impossibile l'accesso di un soccorritore.

00,00 . All'alba iniziano i lavori di estrazione della terra e piccole rocce dall'interno del pozzo, anche se si avanza di pochi centimetri e con difficoltà. La Guardia Civile estrae anche alcuni resti dall'interno del pozzo per eseguire analisi del DNA e per sapere se ci sono altre prove per confermare che Julen sia lì.

Bimbo caduto in un pozzo a Malaga, il fratellino maggiore morì a tre anni all'improvviso

Lunedì 14

7.00 . La rimozione del terreno dal pozzo in cui viene si trova Julen avviene con una pipetta di estrazione continua, ma il lavoro sembra lento: si riescono a malapena a scavare 30 centimetri.

9.15 . La Guardia Civil parla del dispiegamento di forze impegnate nel salvataggio di Julen, che supera già un centinaio di truppe tra cui quelle di privati che hanno offerto il loro contributo. Il lavoro è molto complesso "perché nessuno è preparato per un salvataggio in un posto così angusto e profondo", spiega il subdelegato del governo, María Gámez.

La Guardia Civil annuncia che all'interno del pozzo sono stati trovati un sacchetto di caramelle e un bicchiere di plastica che sarebbero stati collegati al bambino. La prima informazione su come verrà sviluppata l'operazione di salvataggio viene resa nota: "Si tratta non solo di raggiungere il luogo in cui si trova il bambino, ma anche di preservare lo spazio attraverso il quale eseguire il salvataggio".

12.30 . Tre sono le opzioni annunciate per estrarre Julen: continuare a prendere terreno dalla prospettiva in cui il piccolo è caduto - fino a quel momento hanno preso solo 30 centimetri -, fare un tunnel verticale e parallelo al pozzo e sviluppare una galleria orizzontale all'aperto. Alla domanda se il bambino può essere vivo, la Guardia Civil risponde: "Se non ci credessimo, non prenderemmo in considerazione tutte queste opzioni".

23.00 . La regina Letizia parla con il sindaco di Totalán, Miguel Ángel Escaño, per mostrare la sua preoccupazione per il lavoro dell'operazione di salvataggio.

Martedì 15

10.00 . La sottodelegata del governo, María Gámez, spiega che hanno iniziato a scavare il tunnel orizzontale per raggiungere il pozzo dove si presume che ci sia Julen. Avrà una lunghezza tra i 50 e gli 80 metri e sarà realizzato usando la pendenza della montagna.

11.00 . Il consiglio comunale di Totalán porta cibo, caffè e coperte alla squadra di soccorso e alla famiglia, che continuano a lavorare sul campo senza sosta.

13.10 . L'aviazione riceve le istruzioni per recarsi ad Avilés (nelle Asturie) per prendere la brigata di soccorso minerario dal Principato delle Asturie che è specializzato in situazioni critiche come questa.

14.00 . La squadra parte con l'aereo da trasporto militare C295, appartenente alla 35a ala dell'Aeronautica militare del Ministero della Difesa, dalla sua base di Getafe a Avilés. Arriva mezz'ora dopo.

14,45 . Vengono forniti dettagli sull'entità dell'operazione di salvataggio di Julen, costituita da amministrazioni pubbliche e società private specializzate che stanno aiutando nel processo. Questi ultimi includono Expoa, Actua, civilizzare, Cemosa, Rodio, Narval Ingegneria, OHL e il College of Engineering e strade di Malaga. Si unisce inoltre la società svedese Stockholm Precision Tools AB (SPT), che ha partecipato al salvataggio dei minatori intrappolati a San José (Cile). 

16.30 . L'aereo dell'aeronautica arriva alla base aerea di Malaga e la squadra di minatori si sposta immediatamente a Totalán, arrivando solo mezz'ora dopo.

17.15 . Il delegato del governo in Andalusia, Alfonso Rodríguez Gómez de Celis, arriva a Totalán.

18.45 . Dopo aver ricevuto una chiamata dalla Guardia Civil, Angel Garcia Vidal, responsabile del Collegio degli Ingegneri Civili di Malaga, raggiunge Totalán per fornire la sua esperienza nel salvataggio di Julen.

19.30 . Il delegato del governo in Andalusia, Alfonso Rodríguez Gómez de Celis, riferisce che il lavoro di scavare i tunnel di accesso al luogo in cui si trova Julen richiede un tempo compreso tra le 24 e le 48 ore. Spiega anche che il movimento della terra per sviluppare una piattaforma da cui perforare verticalmente il terreno è iniziato.

Mercoledì 16

9.30 . È stato riferito che i test del DNA eseguiti hanno trovato resti biologici di Julen all'interno del pozzo. I test sono stati confrontati con il materiale genetico dei genitori e della bottiglia del bambino. Il capo colonnello del Comando della Guardia Civil, Jesús Esteban, sottolinea il sostegno delle compagnie private impegnate a trovare Julen. Viene creato un ufficio tecnico di consulenti per dirigere i lavori, che iniziano a prendere la forma del lavoro di ingegneria civile.

11.30 . José Roselló, padre di Julen, dopo giorni che definisce "eterni", dice di avere un filo di speranza. "Vedo un po' di luce", dice in relazione a tutto il lavoro svolto. "Che questo non diminuisca fino a che non possiamo riprendere mio figlio vivo da lì", chiede il giovane papà.

15.00 . Ángel García Vidal, delegato dell'Associazione degli Ingegneri Civili di Malaga che guida l'operazione, parla per la prima volta. Spiega i dettagli sul lavoro di aspirazione del distacco che si trova all'interno del pozzo quando sono stati estratti appena 60 centimetri. Sta ancora puntando sullo sviluppo di una cavità orizzontale e un'altra verticale per raggiungere Julen.

17.00 . Gli abitanti di Totalán effettuano una marcia lungo la strada che collega la città con il luogo in cui si accede alla fattoria in cui si è perso Julen

19.00 . Yolanda Alcaide offre la sua casa, proprio nel punto di accesso a Totalán, in modo che possa essere installato il posto di comando per l'operazione di salvataggio. 

Giovedì 17

Durante le prime ore del mattino il lavoro è ancora nelle indagini preliminari e nei preparativi per realizzare i due tunnel, ma i problemi sorgono con quello orizzontale a causa dell'instabilità del terreno. I lavori si focalizzano, quindi, sul tunnel verticale.

12.00 . Inizia la preoccupazione per la pioggia prevista nel fine settimana. L'Agenzia meteorologica statale (AEMET) prevede alcune piogge venerdì e piogge sicure per sabato. L'operazione inizia a prepararsi a questa evenienza. Si propone di coprire i buchi e realizzare fossati per drenare la terra, o l'uso della ghiaia per stabilizzare l'accesso alla fattoria.

13.30 . Ángel García Vidal annuncia la realizzazione di un secondo accesso verticale al pozzo. Entrambi saranno fatti a circa quattro metri dal punto in cui si concentrano le ricerche. Ciò aumenta la sicurezza di arrivare a dove si trova Julen. Si prevede di eseguirli contemporaneamente, sebbene uno possa richiedere meno tempo dell'altro a causa delle caratteristiche del terreno. A quest'ora del giorno, sono stati scavati 15 metri della piattaforma precedente per realizzare entrambe le perforazioni.

18.00 . A causa dell'ampiezza dei movimenti terrestri nel Cerro de la Corona, si temono possibili smottamenti su entrambi i lati del pendio. 

19.30 . Il capo degli ingegneri indica che le opere si evolvono lentamente e che l'opzione delle cavità verticali sta guadagnando importanza. In questo momento sono stati scavati 18 metri della piattaforma precedente per eseguire entrambe le perforazioni.

Venerdì 18

07.30 . Una perforatrice raggiunge la periferia di Totalán. Le grandi dimensioni del convoglio che la trasporta e il suo peso - 30 metri di lunghezza e 130 tonnellate - richiede la divisione delle attrezzature e il caricamento in due viaggi. Anche l'accesso alla fattoria in cui si trova il pozzo deve essere adeguato.

12.30 . Viene riportato il ritrovamento di una vena rocciosa di grande durezza che rallenta i lavori. Hanno abbassato 19 metri della piattaforma su cui si poserà la trivella. La macchina appena arrivata consente di scavare più a fondo, quindi la rimozione non dovrebbe essere più alta 30 metri, ma solo 25 metri.

16.00 . La perforatrice raggiunge il terreno dove si sta per scavare il tunnel verticale con cui si intende raggiungere Julen.

Sabato 19

13.30 . Inizia la perforazione. Inizia 23 metri più in basso rispetto al buco di entrata da cui è caduto Julen al fine di accelerare i lavori.

14,45 . Arriva il presidente della Junta de Andalucía, Juan Manuel Moreno Bonilla. Prima incontra i responsabili del salvataggio e, in seguito, i genitori di Julen. 

19.00 . La perforazione raggiunge i 15 metri di profondità. Avanza a tre metri all'ora, soddisfacendo le previsioni iniziali.

01.00 . Trovano uno sperone roccioso.

Domenica 20

07:00 . Durante la prima mattinata l'avanzata rallenta dopo aver trovato un altro sperone roccioso. In questo momento raggiungono i 33 metri di profondità.

20.00 . La perforazione raggiunge i 45 metri di profondità.

Lunedì 21

07:00 . Il trapano arresta il lavoro quando raggiunge i 52 metri di profondità. La macchina ha lavorato così tante ore e in condizioni così estreme da richiedere diverse ore di manutenzione.

09:30 . La brigata di soccorso minerario si sposta sul luogo di lavoro. Hanno eseguito test per tutta la settimana per poter essere in grado di eseguire il loro compito con precisione. Nel tratto finale il loro ruolo sarà più importante che mai.

11.00 . La perforazione è ripresa.

12.00 . L'altezza di 53 metri di profondità è raggiunta.

Martedì 22

02.30 . Inizia l'operazione di rivestimento della galleria verticale.

06.15 . Quando le squadre di soccorso hanno introdotto 42 metri di tubi, si presentano notevoli irregolarità nelle pareti della galleria verticale che costringono a tirare fuori l'involucro e trapanare ulteriormente per lisciare le pareti del tunnel.

Mercoledì 23

06:00 . La perforatrice ha appena delineato il pozzo verticale e i lavori di pulizia sono iniziati all'interno del tunnel. Successivamente,ricomincia l'inserimento del tunnel che dura per tutto il giorno a causa dei diversi controlli che devono essere effettuati. "Sono normali manovre. Nulla può essere lasciato al caso per la sicurezza dei minatori ", affermano i tecnici.

10.00 . La brigata di soccorso minerario arriva sul pendio a bordo di tre veicoli della Guardia Civil. Si preparano ad agire. 

17.00 . Nuove difficoltà tecniche rendono necessario ripensare il processo di rivestimento. Si decide di ridurre il diametro dei tubi di alcuni millimetri per facilitarne l'inserimento nella parte inferiore del foro.

Giovedì 24

6.30 . Il tubo delle estremità di perforazione verticale e altri 12 metri di tubi iniziano ad essere installati sulla bocca del pozzo e comincia il riempimento a terra dei dintorni.

13,49 . I lavori di condizionamento della piattaforma che danno sicurezza alla discesa dei minatori finiscono. Comincia il dispositivo di salvataggio formato dagli otto membri della brigata mineraria , 10 agenti della Guardia Civil e otto vigili del fuoco del Consorzio Provinciale.

17.49 . Dopo quattro ore di controlli di sicurezza, i primi membri della Brigata di soccorso minerario scendono a circa 60 metri sotto terra per iniziare il tunnel orizzontale. Siccome la sua perforazione è stata fatta 11 metri più in basso della buca dove cadde Julen, con quella distanza raggiungeranno 72 metri di profondità, dove si crede che sia il bambino.

Venerdì 25

20.00 I materiali trovati dalle squadre di soccorso sono estremamente duri e i minatori devono utilizzare mocrocariche esplosive per allungare il percorso. Quando i minatori hanno scavato 3,15 dei 3,8 metri di tunnel orizzontale, eseguono una quarta e ultima mocroesplosione. 

23.00. I minatori tornano al tunnel per tagliare l'ultimo tratto dove si aspettano di trovare Julen.
 
 


Sabato 26 

01.25 . I servizi di emergenza individuano il il corpo senza vita di Julen: il bambino è morto.

Bambino nel pozzo, Julen Rosello trovato morto. Tre giorni di lutto a Malaga, il padre ha un malore



 
Sabato 26 Gennaio 2019, 10:15
© RIPRODUZIONE RISERVATA