J.K. Rowling, è ancora polemica: «Ho ricevuto così tante minacce di morte da tappezzarci la casa»

J.K. Rowling, è ancora polemica: «Ho ricevuto così tante minacce di morte da tappezzarci la casa»

Solidarietà del premier Boris Johnson: "Nessuno deve essere preso di mira così"

J.K. Rowling ha rivelato su Twitter di aver ricevuto numerose minacce di morte mentre criticava tre attivisti per i diritti dei transgender che avevano pubblicato una loro foto su Twitter davanti all'indirizzo di casa dell'autrice di Harry Potter, rendendolo così facilmente riconoscibile. «Ho ricevuto così tante minacce di morte da tappezzarci la casa».

 

Leggi anche > «Harry è instabile, Kate gelosa di Meghan»: la Regina sconvolta dopo l'ultimo documentario

 

 

Con una lunga serie di Tweet la scrittrice ha rivelato le tante minacce di morte e gli abusi che ha ricevuto assieme alla sua famiglia. Alcune persone hanno condiviso l’indirizzo della sua famiglia sul social in modo da rendere pubblica l’abitazione dei suoi cari. La scrittrice ha anche raccontato di aver ricevuto molte lettere di donne che hanno subito minacce di ogni tipo per aver seguito il suo pensiero e si sono rivolte a lei.

 

La scrittrice finisce, così, nuovamente al centro di un'accesa polemica dai toni spesso violenti per aver difeso posizioni femministe tradizionali riguardo la questione della difesa di identità di genere biologica delle donne. La creatrice di Harry Potter ha ringraziato la polizia della Scozia, dove risiede, per averla assistita. I manifestanti si erano fatti fotografare davanti all'abitazione della scrittrice con alcuni cartelli, di cui uno riportava la scritta «Trans Liberation Now».

 

La Rowling aveva risposto in questo modo, ribadendo la sua volontà di espressione: «Dovrebbero riflettere sul fatto che ho ricevuto così tante minacce di morte che potrei tappezzare la casa, ma non ho smesso di parlare».

 

Solidarietà alla scrittrice è stata espressa dal premier britannico Boris Johnson tramite un suo portavoce: «Nessun individuo dovrebbe essere preso di mira in quel modo. Tutti hanno il diritto di essere trattati con dignità e rispetto e le persone devono essere in grado di condividere le proprie opinioni allo stesso modo'».


Ultimo aggiornamento: Martedì 23 Novembre 2021, 21:41
© RIPRODUZIONE RISERVATA