Italiani scomparsi in Messico, la rabbia della famiglia: "Procura ferma, indaga sulle dicerie..."

Italiani scomparsi in Messico, la rabbia della famiglia: "Procura ferma, indaga sulle dicerie..."

«La procura di Guadalajara indugia su dicerie legate agli interessi dei nostri cari in Messico per coprire il loro insuccesso e la situazione di stallo nelle operazioni di ricerca». È la denuncia dei familiari dei tre napoletani scomparsi il 31 gennaio in Messico che, all'ANSA, ribadiscono l'assoluta estraneità dei loro cari al narcotraffico o ad organizzazioni criminali.

LEGGI ANCHE ---> Chiesti all'Italia i precedenti penali di sei cittadini



LEGGI ANCHE ---> Da giorni nessuna notizia, si teme un rapimento

«Il procuratore di Guadalajara in Messico - affermano - è a conoscenza di questo caso fin dal primo giorno e, anziché attivarsi nelle ricerche facendo tesoro delle nostre indicazioni riguardanti il coinvolgimento della polizia locale, continua a concentrarsi sui precedenti di Raffaele Russo, di suo figlio Antonio e di suo nipote Vincenzo Cimmino
».



«Raffaele, siamo costretti a ripeterlo sperando di non doverlo fare più, è solo un ambulante, un 'magliaro', non un camorrista e meno che mai un narcotrafficante». «L'impressione è che in Messico si preferisca dare credito a queste menzogne solo per coprire la mancanza di risultati nella ricerca» concludono i parenti delle persone scomparse.
Mercoledì 21 Febbraio 2018, 18:09
© RIPRODUZIONE RISERVATA